Banner
Banner
Torino
Sab

16°C
Dom

16°C
Lun

18°C

Login




gliOrchiLogo
vedosportLogosi

Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

Trail di OULX: LA VIA DEI FORTI - 25 settembre 2011
Scritto da Vittorio Duregon   
Domenica 25 Settembre 2011 13:31

 

LA VIA DEI FORTI

 

ULZIO

SALBERTRAND  PRAMAND  SEGURET  JAFFERAU

FOENS  PUYS  CHATEAU

ULZIO

 

TRAIL DI OULX

 

48,4 km, 2.560 D+

 

Domenica 25 Settembre 2011

 

001 trai_oulx 

059

 

 

 

009__nel_gran_bosco_di_salbertrand

 

011

 

Un grande trail in Valle di Susa, perché no? Potrà il Trail di Ulzio diventare grande come il Trail della Valdigne, cui per molti versi assomiglia? Ovvero una manifestazione dove in contemporanea, su diversi percorsi, molte centinaia di concorrenti sciamano allegramente per i monti e valli circostanti?

Perché no ?

Alcune evidenze comuni ci sono già.

Innanzitutto il fattore principale: un grande e suggestivo territorio alpino, con una storica città, Ulzio, come base unica che accoglie Partenza e Arrivo; una ampia e comoda vallata principale, e, su entrambi i lati di questa, grandi possibilità di valloni secondari, borgate, sentieri spettacolari e rifugi, ove far passare i Percorsi.

 

016_pareti_e_grotte_calcareeIL TERRITORIO DI ULZIO 


Ma quali sono le bellezze e le cose importanti del territorio di Ulzio che gli organizzatori quest'anno, con importanti novità di percorso, ci hanno voluto presentare?

Innanzitutto la splendida strada militare che percorre il fianco sinistro della Val di Susa, unendo i poderosi forti di Fenils, Pramand, Jafferau e Foens.

024Il Trail percorre le strade di collegamento tra le varie fortezze, un tempo utilizzate per il traffico militare e stabilmente sorvegliate da sentinelle.

Per questo motivo questo percorso viene anche chiamato 'Il Tour delle sentinelle'.

Su questo tracciato si trova la spettacolare Galleria dei Saraceni, lunga 800 metri e totalmente buia a causa del suo percorso circolare.

In secondo luogo potremmo indicare le bellezze naturali, tra cui il Gran Bosco di Salbertrand le strapiombanti balze dolomitiche del Monte Seguret, unica enclave calcarea in Val di Susa.

Sarebbe auspicabile per il futuro che il percorso, in qualche modo, recuperasse anche visibilità sulle fantastiche Grotte dei Saraceni, la cui vista è ora inibita dal passaggio in galleria.

Indicheremmo infine le numerose borgate da attraversare, grandi e piccole, ricche di storia, ciascuna con la sua chiesetta e la sua antica fontana in pietra. Strade sterrate e antichi sentieri ancora battuti le uniscono, creando un habitat ancora vitale e armonioso.

037

 

Il PERCORSO

 

Annunciato su 46 km, in realtà il trail risulta a noi più lungo, 48.4 km, con un D+ di 2.560 metri. Per i primi 9 km si scende la valle sul lato destro orografico, Sentiero dei Franchi all'interno del Gran Bosco, fino alla piana di Salbertrand. Qui con uno spettacolare passaggio nella passerella sopraelevata del Pramagrill si attraversa l'autostrada e si perviene a Salbertrand.

041Di qui si risale il lato sinistro orografico della valle centrale inoltrandosi in forte ascesa nel vallone del Seguret fino al Colletto Pramand, a poca distanza dall'omonimo forte. Ora il percorso segue la strada sterrata militare, frequentatissima da quelli delle mountain bike e dai motociclisti, tedeschi in primis.

L'ambiente è grandioso, dominato a monte dagli strapiombi calcarei del versante sud del Monte Seguret, mentre a valle e a sud sono visibili Ulzio e le sue frazioni. Sul fondale sud ovest, le alte montagne della costiera Chaberton – Grand Hoche e più in là i 4000 del Delfinato.

Un km di sterrato ed ecco che bisogna inoltrarsi, opportunamente muniti di lampada 043e giacca impermeabile, nella famosa Galleria dei Saraceni, 800 metri, divertenti di buio assoluto e di pioggerella da infiltrazioni.

Usciti dalla galleria si lascia la strada militare e per ripidi prati di montagna si arriva molto direttamente ai 2700 metri del Colle Vin Vert, altezza massima del trail. Di qui, dopo una lieve discesa su sentiero, si perviene ad una seconda strada sterrata, stupendamente in cresta, che,i n qualche chilometro sempre in quota a 2600 metri, porta alla base dei resti del Forte Jafferau.

A questo punto il percorso vira sinistra e percorrendo tutto il versate sud sottostante allo Jafferau, porta a scavalcare il torrente di fondovalle, il Bardonecchia, nei pressi di Royeres.

Siamo ormai passati sul lato opposto della valle, quello del ritorno alla partenza. Dopo essere risaliti a Puys, sempre su sentieri e ottime sterrate,si perviene alla deliziosa Chateau, annunciata dall'alto campanile che compare all'improvviso e porta il sapore del traguardo imminente.

Ancora tre km di discesa e si arriva a Ulzio.

Giudizio unanime dei concorrenti: un percorso sempre agevole, vario, molto spettacolare.

012_pasticceria_pramagrill

 

PRIMO RISTORO : PASTICCERIA PRAMAGRILL 


Al nono km inusuale passaggio sopra l'autostrada all'interno della passerella delle due stazioni di servizio. Ma al termine, ancora dentro la passerella, c'era la vera sorpresa: un buffet imbandito con ampia scelta tra croissant appena sfornati, grandi e piccoli, tartine con e senza marmellata, succhi, frutta, bibite...

018_ristoro_forte_pramandA parte questo allestimento del tutto eccezionale, anche gli altri ristori erano eccellenti. Così dicasi della segnaletica e in ogni caso della discreta e puntuale presenza dei volontari nei passaggi strategici.

052_finalmente__chateau_

 

LA GARA 


Bei nomi alla Partenza, con un favorito, il nazionale Daniele Fornoni, ad onorare la sua vittoria dell'anno precedente. Il romano Gianluigi Ranieri, Stefano Ruzza e Marco Zarantonello, varesini, come possibili concorrenti alla vittoria. Il valpellicese Claudio Garnier, dedicato alle corse in montagna di tipo classico, di taglio breve, si candidava al ruolo di forte outsider.

C'è stata battaglia vera, tra me e Garnier”, dice Fornoni al termine, “la salita la abbiamo tirata a tutta; finalmente, iniziata la lunga discesa verso il fondovalle, mi sono accorto che si era creato spazio, e da allora ho proseguito più tranquillo fino al traguardo”.

 

Quindi ecco l'Ordine di Arrivo:

 

1 Daniele Fornoni in 4h 57'

2 Claudio Garnier in 5h 07'

3 Stefano Ruzza in 5h 17'

4 Marco Zarantonello in 5h 23'

5 Ernesto Ciravegna in 5h 25'

 

Tra le donne vittoria ex aequo per Marina Plavan e Annalisa Diaferia in 6h 21', al terzo posto Eleonora Duregon in 6h 58'.

 

     CLASSIFICA

http://www.wedosport.net/pub/cf/vedi_classifica.cfm?gara=25272


     Una pagina interessante   http://www.peveradasnc.it/mtb/percorsi/saraceni.htm

 


 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna