Banner
Banner

Login




gliOrchiLogo
valetudoLogo
vedosportLogosi

Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

MONDIALI DI ULTRATRAIL / ANNECY 30-5-2015 / DOMINA LA FRANCIA, MEDAGLIA DI BRONZO PER LE AZZURRE
Scritto da Vittorio Duregon   
Lunedì 06 Luglio 2015 20:50

 

 

TECNICA

MAXI-RACE di ANNECY

(Francia)

 

CAMPIONATO DEL MONDO IAU

DI ULTRATRAIL

 

30 maggio 2015 

85 KM   5.300 d+

 

 

Nei giorni 29-30 e 31 Maggio si sono svolte le manifestazioni che complessivamente sono denominate Trail del Lago di Annecy

Un giro completo del lago, condotto sui sentieri delle montagne intorno, per una distanza che, nella gara principale, la Tecnica Maxi Race raggiunge gli 85 k con un d+ di 5.300. 

tracetrail

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quest'anno la Maxi Race,una gara che da sola realizza circa 1500 concorrenti, valeva anche come CAMPIONATO MONDIALE DI ULTRATRAIL IAU 2015 , per rappresentative nazionali. 

 

037

 

 

 

Vi è stata quindi una partenza apposita alle 3.30 per i c 300 selezionatissimi atleti delle nazionali e poco dopo, alle 5,

c'è stata la partenza della Maxi Race vera e propria, quest'anno in tutto esaurito, con quasi 2000 concorrenti. 

 

 

Cinzia Berasa

e

Giulia Amadori

 

 

 

 

 

 

 

 

059

 

Come si sa gli equilibri di leadership e governance all'interno del movimento trail sono oggetto di polemiche continue, e questo ha portato alla defezione di alcuni campioni come Kilian, D'Haene, e di alcune star americane .

In particolare, tra gli italiani non hanno accolto la convocazione in Nazionale Fidal-Iuta  Fulvio Dapit e Federica Boifava. 

 

Il livello dei partenti era comunque stratosferico, tanto più che in questo sport le gerarchie sono forti e chiare, ma anche molto aperte e allargate .

 

                                                                    Luis Alberto Hernando a pochi secondi dalla partenza

 

 

 

 

065

 

 

C'è sempre una giornata no per i campioni, e c'è sempre qualche nuovo giovane pronto ad emergere e ad entrare nella lunga lista dei top runners. 

 

L'Italia, rispetto ad altri paesi si difende bene, ma sconta ancora

un certo ritardo nello sviluppo del trail da cui una base ancora troppo ristretta per la selezione dei nostri rappresentanti.

 

 

 

 

 

Poche chances hanno avuto i nostri nove rappresentanti rispetto agli squadroni francese e americano; comunque hanno dato prova di omogeneità e compattezza, assicurandosi un discreto quinto posto a squadre, ad un soffio dal quarto posto degli spagnoli, i più delusi da questa tornata del mondiale. 

 

 

 

 

 

trail-running-sylvain-court

 

 

 

Sia in campo maschile che femminile vi è stato un dominio assoluto della Francia, che al femminile ha confermato le due campionesse Natalie Mauclair e Caroline Chaverot, e , al maschile ha fatto emergere l'ennesimo outsider, Silvain Court, colui che è riuscito nell'impresa di battere il favorito della vigilia, lo spagnolo Hernando, giunto secondo. 

 

 

 

 

                                                                                    Luis Alberto Hernando      Sylvain Court         Patrick Bringer 

 

164

 

 

 

 

 

 

Per gli italiani il primo arrivato è stato Franco Collè , quindicesimo, e buone prove anche per Ivan Geronazzo e Marco Zanchi.

Grande prestazione invece della nostra compagine femminile, che, trascinata da Lisa Borzani e da Sonia Glarey, ha conquistato il terzo posto a squadre.

 

 

 

 

 CLASSIFICA MASCHILE

 

1  Sylvain Court  08.15.38  FRANCIA

2  Luis Alberto Hernando  08.19.08  SPAGNA

3  Patrick Bringer   08.21.43  FRANCIA

4  Tom Owens  08.26.23 GRAN BRETAGNA

5  Ludovic Pommeret  08.33.07 FRANCIA

6  Alex Nichols 08.38.15  USA

7  Nicholas Martin  08.41.01 FRANCIA

8  Xavier Thevenard 08.41.45  FRANCIA

9  Thobergur  Jonsson  08.47.24  ISLANDA

10  Didrik Hermansen  08.59.39  NORVEGIA 

 

15  Franco Collè 9.19.50  ITALIA

25  Ivan Geronazzo  9.32.26  ITALIA

34  Giulio Ornati  09.48.19  ITALIA

 

 

CLASSIFICA FEMMINILE

 

1   Nathalie Mauclair  09.30.59  FRANCIA

2  Caroline Chaverot  09.33.21  FRANCIA

3  Maite Mayora  09.39.36  SPAGNA

4  Anne Lise Rousset  10.05.19  FRANCIA

5  Andrea Huser  10.20.31  SPAGNA

6  Uxue Fraile  10.25.25  SPAGNA

7  Maud Gobert  10.33.25  FRANCIA

8  Mimi Kotka  10.46.09  SVEZIA

9  Anna Strakova  10.46.56  REP CEKA

10  Teresa Nimes 10.55.46  SPAGNA

11  Lisa Borzani 10.59.02  ITALIA

13  Sonia Glarey  11.01.38  ITALIA

29  Virginia Oliveri  11.38.56  ITALIA

 

 

 

 

 

LA TESTIMONIANZA DI UN AZZURRO

STEFANO RUZZA

 

 

039Mondiali di Ultratrail ad Annecy, Francia.

Mondiale sì,mondiale no,chi c'è, chi non c'è,  polemiche, sigle varie....

 

Fatto sta che a quel Mondiale c'erano atleti veri.  Mancavano molti nomi, forse, ma quasi tutte le nazioni di seconda fascia hanno portato i loro migliori trailer, e tutti fortissimi.

 

Per non parlare della Francia, padrona di casa, che ha dominato con le vittorie di Sylvain Court e Natalie Mauclair, oltre che nella classifica a squadre.

 

 

Per quanto riguarda l'Italia, un poco di delusione c'è stata per alcuni piazzamenti al di sotto delle aspettative (compreso il mio , 56° assoluto e 5° italiano), ma a tutti gli effetti, si sarebbe potuto fare non troppo di più.

Qualche assenza non spiega le ragioni di questi risultati non ottimi.

Comunque un bellissimo 3° posto a squadre  femminile lo si è portato a casa.

Il percorso era degno di un Mondiale, dopo le strade veloci o velocissime di Irlanda e Galles delle due precedenti edizioni.

Grande accoglienza e molto tifo sui sentieri, giornate meteorologiche splendide.  

Ecco, se la Federazione Internazionale capisse definitivamente che sono questi i percorsi e gli eventi che merita il trail per un mondiale, allora tutto potrebbe diventare più semplice.

 

In ogni caso, al di là dei nostri risultati non eccellenti, per me e per tutti i ragazzi della Nazionale Italiana è stata una esperienza davvero indimenticabile.

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna