Banner
Banner
Torino
Sab

16°C
Dom

16°C
Lun

18°C

Login




gliOrchiLogo
vedosportLogosi

Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

IVREA-MOMBARONE 38° Edizione/ 21 SETT 2014/ VINCE JONATAN WYATT IL CAMPIONE PIU' GRANDE
Scritto da Vittorio Duregon   
Domenica 12 Ottobre 2014 11:29

 

 

38° EDIZIONE DELLA

IVREA – MOMBARONE

 

 

JONATHAN WYATT

IL CAMPIONE PIU' GRANDE

METTE IL SUO SIGILLO NELL'ALBO D'ORO

 

 

VITTORIA E RECORD ANCHE PER

CATHERINE BERTONE

 

 

20 km   2.124 D+

 

Ivrea  

Domenica 21 settembre 2014

 

 

 

 

 

UNA GARA MONUMENTO

 

Annata davvero eccezionale, il 2014, per Ivrea – Mombarone giunta alla sua 38° edizione.

Si sono registrati innanzitutto 410 partenti, il record della gara, a testimoniare la straordinaria vitalità di questa storica classica della corsa in montagna in Piemonte.

dscn1266

 

 

 

 

 

Un tempo, parliamo di oltre trent'anni fa, i 20 km di lunghezza e i 2.124 m di dislivello costituivano uno spauracchio e una irresistibile tentazione del limite per chi praticava le 'marce alpine' e le corse in montagna.

 

 

 

 

 

 

 

 

20141018 193056 copia

 

Era una gara a sé, temuta sia per la prima parte, velocissima e stradaiola, che per la lunghezza e il forte dislivello finale.

 

Una gara di durata anomala per quei tempi, che richiedeva più di due ore per i primi, e dalle due ore e mezza alle 4 ore per tutti gli altri, e alla quale bisognava arrivare con un allenamento specifico.

 

 

Pur essendo molto selettiva, era ed è tuttora una gara evento, prestigiosa, con numeri importanti, raccolti nel vivace movimento podistico, sia di strada che di montagna, del Canavese, Biellese e Valle d'Aosta.

 

 

 

 

 

 

20141018 193129 copia

 

 

 

 

 

 

 

 

Una gara popolarissima dove il concorrente in ogni passaggio importante e nella vetta stessa della Colma del Mombarone viene applaudito da migliaia di appassionati.

 

 

 

 

 C'è dunque una grande tradizione in questa gara, che la società organizzatrice opportunamente non trascura riproponendo ogni anno l'albo d'oro maschile e femminile, con i record e i migliori tempi di sempre.

 

 

 

 

Nel sito degli Amici del Mombarone c'è da passarci delle ore, perché, caso unico a mia conoscenza, si possono trovare addirittura le classifiche generali di tutte le 38 edizioni.

dscn1215

 

 

 

 

 

Scorrere l'albo d'oro di questa gara, con i tantissimi nomi di campioni e campionesse, significa sintetizzare in un attimo la storia di quarant'anni di Corsa in Montagna nel Nord Ovest.

 

 

 

 

 

 

Colpisce che mai in un periodo di più anni ci sia stato un dominatore unico, almeno nell'albo maschile, sicuro segno dell'alto livello della partecipazione.

 

 

 

019 jean pellissier---

 

 

 

 

 

 

 

Il record attuale apparteneva a Jean Pellissier, il 'keniano bianco' valdostano che la vinse quattro volte fra il 2001 e il 2006, con il tempo di 1.57'.28 stabilito nel 2001.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

JONATHAN WYATT

 

dscn1194 copia

 

Mai però si era si era presentato un atleta forte come quello che quest'anno, ha vinto e abbassato ulteriormente il record. 

Il più forte corridore in montagna di ogni tempo: Jonathan Wyatt.

 

 

Conoscere un po' meglio Jonathan Wyatt non può che entusiasmare e far venire voglia di mettere le scarpette e andare a correre.

dscn1243

 

 

 

 

 

 

 

 

Non so dirvi come sia successo, ma credo di essere più noto per la corsa in montagna, mentre ritengo che la mia carriera sia stata più lunga e interessante nella corsa di fondo e su pista”;

già in queste parole sta qualche elemento della naturalezza, della simpatia e della grande caratura tecnica di questo campione.

 

 

 

 

 Quarantadue anni, altezza 1.75, peso 64 kg, 32-35 battiti cardiaci a riposo, Jonathan dice:

 

"Ho provato qualsiasi tipo di corsa: pista, corsa campestre, maratona, gare su strada, i Vertical, le Ultra trail, le gare sugli scalini, lo sky running; ho fatto praticamente un po' di tutto". 

Ha partecipato a due Olimpiadi, nel 1996 e nel 2004 e ad altri appuntamenti mondiali, come il Cross delle nazioni, i Campionati del Mondo di Atletica, i Giochi del Commonwealth.

 

dscn1244

 

Diamo una occhiata ai suoi record personali:

800m 1:54.6

1500m 3:43.08

5000m 13:27.66

10000m 27:56.72

½ marat 1:02:37

maratona 2:13:00

Per 6 volte è stato Campione del mondo di Corsa in montagna, e ha nel suo palmarès vittorie e numerosi record in tutte le Classiche delle corse in montagna in Europa, tra cui la Sierre Zinal, la Jungfrau Marathon, la Grand Ballon.

 

 

 

dscn1196 copia

 

In Italia corre spesso essendo sposato da 5 anni con Antonella Confortola, atleta della Nazionale di sci di fondo, nonché della Nazionale di Corsa in montagna, e, abitando a Fiemme, non si nega neppure alle gare locali del Trentino per tenersi in allenamento. Non è nuovo a presentarsi inatteso, con grande gioia degli organizzatori, alle gare che più gli piacciono, quelle con scenari di montagna e di grande tradizione popolare, come appunto la Ivrea-Mombarone.

In Piemonte ha vinto per ben 13 volte il Trofeo Stellina a Susa; però, solo per dare una idea, ha vinto anche per 6 volte la Tre Cime di Lavaredo Drei Zinnen, e così via per le più importanti gare dell'arco alpino.

 

 

I RECORD E LA CLASSIFICA

Wyatt ha stabilito il nuovo record della corsa in 1:55:17, però bisogna fare delle precisazioni. dscn1258

 

Nell'ultimo chilometro, tra la Bocchetta m 2185 e il Rifugio sotto la vetta m 2311, Wyatt, in testa alla gara, ad un bivio ha sbagliato percorso tagliando un ampio tornante, e trascinando con se anche l'atleta che lo seguiva a c 30”, il valdostano nazionale Xavier Chevrier, che ha chiuso in 1:56:34.

Detto che l'ordine d'arrivo finale non sarebbe comunque cambiato senza il taglio dei primi due, va sottolineata la sportività del terzo arrivato Nicola Golinelli, 1:58:26 e del quarto Marco Moletto, 2:01:03, vincitore delle ultime due edizioni, che non hanno contestato la Classifica finale.

Invece per quanto riguarda il record è ovvio che un vantaggio c'è stato, quantificabile a detta degli atleti in circa un minuto e mezzo. Quindi il record ci sarebbe stato comunque, e sarebbe stato probabilmente di 1:56:45. Per il futuro bisognerà ricordarsi che il riferimento del tempo, anche a causa di molte altre limature e piccole variazioni di percorso nella storia della gara, va inteso in un senso lato come il minor tempo mai fatto alla Ivrea Mombarone.

Detto del secondo posto del giovane Xavier Chevrier e del terzo di un protagonista del nord est Nicola Golinelli e del quarto posto del verticalista Marco Moletto, al quinto posto troviamo Juan Orozco Sanchez, però già a 2:10:24, e a seguire Erik Benedetto, il giovane Luca Gronchi, Silvio Balzaretti e il ritrovato Loris Giorda.

 

 

dscn1263

 

In campo femminile la vittoria, con (regolare) record, in 2:26:20 è andata alla valdostana Catherine Bertone, un nome relativamente nuovo della corsa in montagna. Catherine, atleta da 2:34 in maratona, forse un po' chiusa nella strada, ha trovato spazio nella nazionale di corsa in montagna raggiungendo la medaglia d'argento ai recenti Mondiali di lunga distanza disputati negli Usa. Il recor battuto è quello di Corinne Favre, del 2002.

 

 

 

 

 

Al secondo posto in 2:34:18 Katarzyna Kuzminska, vincitrice dell'anno scorso, terza la plurivincitrice negli anni precedenti, Marcella Belletti in 2:35:24. Quarta Francesca Canepa, un eccellente piazzamento e un gran desiderio di corsa e di riscatto, dopo la grande amarezza rimediata nel Tor des Géants. Quinta la biellese Barbara Cravello.

 

 

 LA CLASSIFICA 2014

 

TUTTE LE CLASSIFICHE STORICHE DELLA 
IVREA -MOMBARONE

 

 

'IL PROFESSORE'

 

dscn1234 copiaUna notazione particolare va fatta per quello che è da tantissimi anni il concorrente più illustre della Ivrea-Mombarone, un tifo incredibile per lui, migliaia di spettatori sembra che non aspettino altro che il suo passaggio, quello del 'professore';

parliamo del chirurgo dei trapianti, di fama mondiale, Mauro Salizzoni, alla sua trentottesima...? partecipazione.

 

Figura 14° assoluto nella prima edizione del 1977 e da allora pare sia sempre presente. 

Una sola gara all'anno per lui: la fantastica Ivrea-Mombarone.

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna