Banner
Banner
Torino
Sab

16°C
Dom

16°C
Lun

17°C

Login




gliOrchiLogo
vedosportLogosi

Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

MORENIC TRAIL 2013/ UN ULTRATRAIL TUTTO DA CORRERE
Scritto da Fabrizio Vinassa   
Venerdì 11 Ottobre 2013 18:47

 

MORENIC TRAIL 2013

5-6 Ottobre 2013

 

109 KM  E  PIU' KM

SULL'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA

 

UN ULTRATRAIL TUTTO DA CORRERE

PER STEFANO RUZZA

 

 

 

 

morenic trail

 

MORENIC TRAIL - 109 KM SULL'ORMA DEL GHIACCIAIO

di Fabrizio Vinassa

 

Dalla mattina di sabato 5 ottobre alla mattina del giorno seguente, i Comuni insistenti sull'Anfiteatro Morenico di Ivrea, sono stati interessati dalla 4a edizione del Morenic Trail.

 

20131005 085420

 

Tre le modalità di partecipazione: individuale, a coppie o in staffetta (da 2 a 4 elementi), per coprire entro 24 ore i 109 km (e forse anche qualcosa di più) e gli oltre 2000m d+ del percorso, da Andrate a Brosso, in un alternarsi di boschi e borghi.

 

 

Al via di Andrate, in una fitta nebbia, si presentano un centinaio di atleti per la gara individuale, e ben una cinquantina di staffette, in continua crescita di edizione in edizione, dimostrazione che questa formula quasi unica nel panorama dei trail, piace ed incuriosisce, nonostante la non semplice logistica.

 

20131005 090401

 

 

 Una logistica che però  può regalare emozioni inaspettate per chi  corre in staffetta e va incontro insieme ai propri compagni ad  una  giornata campale, di  quelle che non terminano mai.

 

l percorso è molto scorrevole e corribile, per buona parte su strade sterrate, intervallateda brevi tratti su asfalto e da parti su sentiero, che comunque non presentano difficoltà tecniche.

 

 

 

007 copia

 

Ma il Morenic non termina con il passaggio sotto all'arco di arrivo a Brosso, dove gli atleti sono accolti al suono festoso di ocarine a tamburi.

 

 

La festa della Morenic Parade anima la piazzetta in zona arrivo per tutta la notte, in attesa di fare  gran festa, uno per uno, agli arrivi dei concorrenti.

 

 

Una gara apparentemente facile, ma che  può  rivelarsi  impegnativa proprio per quei trailisti che  si  sono troppo adattati  ai percorsi  di  montagna.

Questo è un trail tutto da correre, nonostante  frequenti sechhi strappi in salita e la ascesa  finale all'imbocco della Val Chiusella.

009 copia

 

Un aspetto da non sottovalutare per il suo profilo  è infine che grazie al notevole sviluppo chilometrico, i finishers conquistano 3 punti qualificanti per i trails del circuito UTMB.

 

Si  spiega  così  come  ci  sia  una  costante  e qualificata presenza  di  insospettabili stranieri  tra i  concorernti.

 

 Nebbia  alla partenza e  pioggia nella mattinata  per  circa  un'ora, poi nuvoloso asciutto  e temperatura fresca; tutto sommato un clima ideale.

 

Si serba ancora  il ricordo  della calda giornata  del 2011, che rese il Morenic durissimo.

019

 

In quella occasione  Giuliano  Cavallo il vincitore della prima edizione, cercava di fare  il  bis, e come sua naturale attitudine 'con record'. E invece commise un errore di percorso, un 'taglio' inconsapevole, che lo penalizzò  di  un'ora e consegnò la  vittoria  a Igor Marchetti, che  aveva staccato un affaticato Stefano Ruzza nella parte finale.

 

 

Igor si replicò l'anno  dopo nel 2012, mentre Ruzza che aveva corso in staffetta a due, stabilì  correndo da solo il record della seconda metà del  Morenic.

 

20131005 212742 copia

 

Quest'anno, finalmente la vittoria ha premiato la dedizione di Ruzza al Morenic.

 Partito  molto prudente, ha  rimontato le prime posizioni verso il 35° km prendendo la testa della gara.

 

 

La vittoria sembrava cosa fatta, e invece  c'era qualcuno  che  stava correndo esattamente come  lui e con tenacia lo raggiungeva al ristoro della chiesetta di santo Stefano,lo stupendo balcone sul lago di Candia.

 

 

015 copia

 

Nei trail c'è sempre  qualcuno che  può guastare  la  festa  al  favorito. Questo qualcuno è  un nome ancora poco noto, ma che sta facendo  bene: Daniele Gaido di Pinerolo.

Rimasto fermo lungamente per  infortunio, quest'anno ha ricominciato, vincendo un trail sui 100 k nell'Appennino di Parma e ottenendo, due settimane prima, un buon quarto posto al Trail di Ulzio.

Ancora  al Ponte Preti, inizio dell'ultima frazione, tutta in salita, solo cinque minuti dividevano i due.

 

 

A questo punto  Stefano Ruzza deve aver deciso  di  mettere in  sicurezza la vittoria, e deve aver  forzato l'andatura, presentadosi  sul traguardo  con un vantaggio  di 17'.

Terzo il genovese,neo canavesano, Davide Grazielli.

 

20131005 203337 copia

 

 

In campo femminile la fa da padrona la Svizzera, con Denise Zimmermann (12h 49' 38") e la giovanissima Caroline Reoherl (12h 59' 47") al primo e secondo posto (nonché 6a e 8a assolute);

chiude il podio Alesandra Perona in 14h 47' 26".

 

La formula a coppie, scommessa di patron Stefano Roletti, stenta a decollare, e vede ultimare il percorso soltanto due compagini, Castenetto-Vettori in 18h 10' 20" e Bertola-Polino 8' più tardi.

 

 

La prova a staffetta, molto avvincente, con continui rimescolamenti e colpi di scena, alla fine vede imporsi, come nel 2012, la compagine maschile "Gli inseguitori del falco" composta da Diego Vairos,Alex Garda,Fabrizio Vigè,Silvano Guidolin, in 9h 26',

con 14' di vantaggio sulla staffetta mista valsusina "Tre uomini e una gamba", composta da Giulia Viotti,Daniele Campigotto,Fabrizio Vinassa,Marco Amprino,

e 28' sulla staffetta ligure maschile "Il cinghiale e i bitumari".

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna