Banner
Banner
Torino
Mer

26°C
Gio

22°C
Ven

22°C

Login




gliOrchiLogo
vedosportLogosi

Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

MONTE PIETRABORGA da SANGANO TO / IL PUNTO PANORAMICO PIU' BELLO
Scritto da Vittorio Duregon   
Martedì 25 Dicembre 2012 23:59

 

MONTE PIETRABORGA e COLLE PRE

da

Sangano (Torino)

 

km 12

800 m D+

 

 

UNA CRESTA AEREA

A DUE PASSI DA TORINO

 

LA POLVERIERA DI SANGANO

E IL TRAGICO SCONTRO DEL '44

 

IL PIU' BEL PUNTO PANORAMICO 

DELL'AREA TORINESE

 

UNA DISCESA CON I BIKERS

 

 

 

Sangano m 348 - Cippo dedicato a a Sergio De Vitis -

Punta del Colletto m 686 – Monte Pietraborga m 926 - Montagnassa m 892 -

Colle di Pre m 713 - Sangano

 

 

 

Il Pietraborga,una alternativa al Musi

sangano -pietraborga 1Ecco una ottima alternativa al Musiné:

il Monte Pietraborga, salito da Sangano.

Siamo nel sistema prealpino Monte San Giorgio-Monte Pietraborga.

Visto dalla pianura un

trapezio con alla base i centri di Piossasco,Sangano e Trana, e ai due vertici il San Giorgio e il Pietraborga.


 

altimetriaDel Musinè abbiamo stessa rapidità di accesso alla partenza e una esposizione favorevole che lo rende praticabile tutto l'anno.

Abbiamo anche un sentiero meno scorbutico, più pulito e regolare,a tratti corribile e sempre sul filo di cresta, con panoramiche vedute su entrambi i lati.

Arrivati in cima, a poche decine di metri dalla punta del Pietraborga,sul lato di Trana,c'è un

pulpito roccioso che vale l'ascensione, sicuramente il più bel punto panoramico dell'area torinese.

 

Un sentiero inaspettato

001 copiaSpesso l'orografia vera, i dettagli della montagna rimangono nascosti, poco

visibili se non in condizioni di lece ottimali.

Può sfuggire ad esempio che il Monte Pietraborga manda verso Sangano una cresta affilata in direzione Ovest-Est, e che da Sangano bastano poche centinaia di metri per parcheggiare e attaccare questa cresta.

Questo era un nostro logico progetto,e auspicavamo di trovare effettivamente un sentiero o quantomeno una traccia di passaggio .

 


Su guide ,cartine, web, però non avevamo trovato nulla di diretto,se non un accenno ad un altro sentiero,quello che porta alla borgata le Prese (abbiamo riscontrato poi che nella nuovissima Fraternali n. 6  1:25.000 il sentiero è  ben segnalato).


004

 

 

 

E invece il sentiero c'è,eccome, perfetto, segnalato da tacche rosse,addirittura con fettucce come se vi si fosse svolta chissà quanto tempo fa una qualche marcia alpina.

Una stupenda direttissima per il Pietraborga.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il comandante Sergio De Vitis

012Poco dopo la Partenza, per qualche centinaio di metri il sentiero prende la denominazione di Sentiero De Vitis, e porta a transitare davanti ad un cippo, una piramide di pietre con una croce.

E' il monumento a Sergio De Vitis, il comandante partigiano qui morto in combattimento contro

un reparto tedesco il 26 giugno del 44, durante l'azione che verrà ricordata come 'l'assalto alla polveriera di Sangano'. Un audace rifornimento di armi e prigionieri riuscito brillantemente, ma con un tragico epilogo: una sparatoria corpo a corpo, in mezzo al bosco, tra la retroguardia partigiana e un reparto tedesco. In pochi minuti tra i partigiani ben otto caduti e quattro feriti e catturati.

 

Bosco e roccioni

055

 

 

 

 

 

 

Il percorso prosegue percorrendo un anello in senso antiorario includendo l'Area Celtica, la Montagnassa e il Colle di Pre nella zona di Piossasco. E' questo un tratto pianeggiante e ondulato, ma molto particolare e suggestivo, in mezzo ad un bosco fitto e disseminato di roccioni e grandi massi.

Dal Colle di Pre si rientra verso Sangano, inizialmente su strada sterrata, poi su sentiero in mezzo al bosco, ben segnato

dal continuo passaggio dei bikers.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PERCORSO

065 copia

 

All'incrocio di Sangano della Statale Orbassano-Trana, prendere Via Bonino che si stacca dall'incrocio verso la montagna.

Ad una rotonda prendere a ds,e parcheggiare dopo pochi metri in vista

di una sbarra verde, Comunità Colibrì.

Superare la sbarra e dopo pochi metri,

dopo una bianca edicola votiva prendere un sentiero sulla ds.

Il sentiero si trasforma presto in una stradina più larga denominata Sentiero De Vitis.

Proseguire sul sentiero De Vitis fino ad arrivare al Cippo a lui dedicato.


 

076Proseguire oltre il cippo e in corrispondenza di una panca per pic nic , ove termina la stradina, si stacca una traccia che prosegue in salita.

Seguire il sentierino segnato con tacche rosse superando una anticima, la Punta del Colletto, il colletto successivo, e risalendo l'erta finale.

In vetta al Pietraborga grande croce posta dalle comunità locali e sentierino che in poche decine di metri porta ad un terrazzo roccioso sul lato di Trana, il più bel punto panoramico a noi noto nell'area torinese.

Scendere dalla cima sul lato opposto alla salita e in breve si arriva all'Area Celtica, segnalata da cartelli didattici.


 

088

 

 

Proseguire su stradina a fondo terroso,nel bosco ma sul crinale della montagna fino a superare un impianto con dei grandi ripetitori e  ad incontrare poi una strada sterrata carrozzabile, che va percorsa sul tratto alla ns  destra, fino aincontrare i cartelli per il Colle di Pre e Pera Luvera.

Inoltrarsi con il sentiero nel bosco tenendosi poco al di sotto del crinale della Montagnassa,che rimane alla ns sinistra, caratterizzato da grossi roccioni accatastati.

Sempre nel bosco prestare attenzione a quando apparirà una indicazione Colle di Pre e trascurare quella di Pera Luvera.

 

 

100

 

 

Seguire la traccia in traversata su terreno alquanto tecnico, facendo attenzione alle tacche e alle fettucce annodate sugli alberi,

che segnano il percorso.

Presto la traccia si mette in ripida discesa e arriva al Colle di Pre, in prossimità di un traliccio .


Dal Colle di Pre prendere su strada sterrata e carrozzabile la direzione di Prese e proseguire per c 1 km .  Si incontra una casa isolata e poi ancora una piccola frazione con alcune case sul lato ds.

 

 

Subito dopo queste case( e quindi prima di arrivare alla frazione Prese!) si stacca una traccia sulla ds, senza segnalazione, usata dai bikers, che rapidamente si inoltra nel bosco e che porterà in discesa continua fino alla sbarra della Partenza.

 

 

Commenti  

 
0 #5 naico82 2014-02-09 11:51
Qualcuno ha il GPx ?Grazie
Citazione
 
 
0 #4 OrcoPinoR 2013-06-05 10:55
Ci siamo tornati con 4 Orchi Sabato 1 Giugno 2013

foto su

http://www.gliorchi.it/index.php/galleria-2?idx=1&albid=5884547068075922849&back=item
Citazione
 
 
0 #3 Dani C 2013-04-22 14:26
Ciao Vittorio,
appena torna il bel tempo provo a fare qualche km e ti farò sapere la mia condizione, ma penso che potrò venire a vedere il posto non molto presto perché mi sto muovendo davvero poco, al momento 1 volta a settimana.. ma da domani spero che le cose cambino.
Citazione
 
 
0 #2 Vittorio 2013-04-03 23:02
Mi piacerebbe tornarvi per abbinarlo al precedente Percorso del Monte San Giorgio.
Ne viene fuori una ventina di km che percorre tutto questo promontorio alpino
sulla pianura torinese.
Ho visto il tuo programma di salite in bici.
Interessante, potremmo combinare qualcosa anche lì.
Citazione
 
 
0 #1 Dani C 2013-04-01 22:21
Che bel giro, conosco la zona ma non il sentiero.
Quando ci tornate? Io ora non sono molto allenate ma spero presto di immergermi coi soli piedi nei boschi!
Daniele-Pedalatoro blogspot IT
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna