Banner
Banner
Torino
Sab

16°C
Dom

16°C
Lun

18°C

Login




gliOrchiLogo
vedosportLogosi

Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

IL GIORNO GRANDE DELLA VAL PELLICE / ULTRA TRAIL TRE RIFUGI / LUGLIO 2012
Scritto da Vittorio Duregon   
Lunedì 16 Luglio 2012 09:15

 

 

UN GIORNO GRANDE NELLA VAL PELLICE

 

 ULTRA TRAIL TRE RIFUGI

km 50  

3.818 D+

 

TRAIL DEGLI ALPEGGI

km 32

2.205 D+

 

 

SI RINNOVA A BOBBIO PELLICE

LA LEGGENDA DELLA TRE RIFUGI

 

 

Come può essere un ritorno dalla Tre Rifugi della Val Pellice se non un 'Glorioso ritorno'?

005

 

 

Pochissime gare hanno una simile capacità di riempire il cuore. Montagne e valloni bellissimi, carichi di storia eppur incontaminati, una grande tradizione sportiva che carica con l'entusiasmo delle grandi occasioni.


Un tifo caldo e competente fatto dagli abitanti,dai volontari,e dagli escursionisti, alpinisti e  dalla massa dei gitanti della domenica,sembrano anche loro molto civili, che nei mesi estivi risalgono la valle.

 


verso il colle barant

 

 

 

Probabilmente il ricordo più bello della Tre Rifugi classica, rimarrà proprio il sereno,felice ritorno dal Rifugio Jervis a Villanova; a piedi, le coppe guadagnate  a far capolino dallo zaino,una sete ancora inestinguibile,l'adrenalina ancora a mille, intorno la gioia e l'ammirazione dei famigliari e degli amici.

 


La Tre Rifugi era semplicemente il Top.

 

 

388

 

Però la Tre Rifugi si sta rinnovando, com'è giusto. Proprio perché è una classica, questa gara soffre del fatto che non si può chiedere ai concorrenti di ripetere sempre lo stesso percorso,lo stesso rito, per troppi anni consecutivi.

 

 

 

Il movimento del podismo va avanti,cresce, e si diversifica sempre di più.

 

 

 

 

 

 

023Da quest'anno il programma è stato fortemente innovato.

 

Due trail in contemporanea,di 32 e 50,forse 52 km. Partenza e Arrivo da Bobbio Pellice, e non più dal Rifugio Jervis alla Conca del Prà.

Soluzione più pratica e meno romantica, ma che favorisce una proposta di Percorso ancora più impegnativa e ambiziosa di prima.

 

 

 

 

 

 

 

scansione0010Il TRAIL DEGLI ALPEGGI

..di 32,4 km D+ 2.205 è  il percorso che, anche se completamente inedito, più si avvicina alle caratteristiche del percorso storico.

Nella prima parte, partiti da Bobbio si sale per c 10 km fino al Rifugio jervis, alla Conca del Pra, passando per la borgata Rostagni,Villanova e il Vallone del Pis. Da qui inizia la parte del nuovo che porta in successione a toccare, con forti dislivelli e

 

026

tratti in mezzacosta , i grandi alpeggi Crosenna,Bancet e Julian, tra mandrie al pascolo e praterie di montagna in piena fioritura .Altitudine media oltre i 2000 m.

Non stupisce che il grosso dei concorrenti tradizionali della Tre Rifugi si sia orientato su questo percorso, non soltanto per il  minore ingaggio, ma anche per la novità e la pregnanza di senso di un tracciato, quello del tour degli alpeggi,del tutto inedito.

E che stretta al cuore all'Alpe Julian, da poco neo abitata da giovani volenterosi, la dura vita con il bestiame,come una volta, ricevere l'invito a ritornare per una visita e acquistare direttamente del formaggio !


024

 

Da segnalare l'ottimo lavoro di ripulitura dei sentieri, particolarmente quello che scende dall'Alpe Julian , ormai non più frequentatissimo.

Questo sentiero riveste anche una grande importanza storica.

Dal Colle e dall'Alpe Julian infatti,dopo una marcia di 250 km tra le montagne e alcuni scontri disperati con l'esercito francese, si affacciarono finalmente su Bobbio e sulla loro valle i mille valdesi, esercito di popolo, protagonisti del 'Glorioso rimpatrio'.

Era l'Agosto del 1689.

 

 

 

scansione0009

 

 

L'ULTRA TRAIL TRE RIFUGI

...di 50, forse anche 52 km, ha in comune con i Tre alpeggi il tratto dal Jervis in poi, c.20 km. Nella sua prima parte ripropone invece il percorso  della Tre Rifugi storica, quindi in successione Col Barant,Rifugio Barbara,Colle Manzol.


017

 

 

Però con una importante variazione iniziale. Partiti da Bobbio, e superata la borgata Rostagni, presso il ponte Biava, il percorso prende a salire a sinistra, nel Bosco dell'Autagna, su uno stupendo sentiero appena disboscato ma di ammirevole fabbricazione originaria, fino sboccare direttamente alla Colletta, nel tratto finale della strada sterrata che porta al Colle Barant.

 

Una direttissima, alternativa alla strada sterrata che unisce i due rifugi Barbara e Jervis.

 

 

021

 

Un doveroso grazie va  a chi, per l'occasione, con una dura lotta contro la boscaglia,ha restituito a nuova vita un itinerario che faciliterà moltissimo le escursioni da Bobbio all'Alta Val Pellice.

 

Due Percorsi dunque molto aperti e panoramici,con dislivelli complessivi alti, però su sentieri puliti,amichevoli.

Entrambi altamente spettacolari, perché questa della Val Pellice, è una montagna particolarmente bella, la cui icona  è la celebre,stupenda Conca del Prà,  dove si trova il Rifugio intitolato a Willy Jervis.

 

 

 Segnaliamo con l'occasione che è da poco disponibile una nuova carta topografica 1:25.000 intitolata Val Pellice, dell'editore Fraternali. Una carta eccezionale per ricchezza , precisione e leggibilità delle informazioni.

 

 

RISULTATI

Classifiche

http://www.3rifugivalpellice.it/public/classifica_ufficiale_ultratrail_2012.pdf

http://www.3rifugivalpellice.it/public/classifica_ufficiale_trail_2012.pdf


 

paolo bertULTRA TRAIL TRE RIFUGI

Nessuno come lui. 

Paolo Bert,il favorito, non ha mancato il decimo appuntamento con la vittoria nella Tre Rifugi.

E' altamente significativo che nella prima edizione nella nuova formula Ultra Trail si sia riproposto quel duello domestico con Claudio Garnier che tante volte ha animato questo settore del podismo alpino dell'Ovest.

Tra le donne Daniela Bonnet vince in modo autorevole, classificandosi addirittura nona assoluta,e bissando il successo del Trail del Monte Servin, nel vicino Vallone di Angrogna. 

 Seconda la forte Marina Plavan.

 

il monvisoTRAIL DEGLI ALPEGGI

 

Le novità, il futuro, sono più leggibili nel Trail degli Alpeggi; un trail con le difficoltà di una sky race, quasi 33 km con ben 2.200 m d+. Qui si sono dati battaglia tre giovani di grande qualità Danilo Lantermino,Maurizio Fenoglio,Fabio Bonetto. L'ha spuntata di poco Maurizio Fenoglio, probabilmente forzando, come nella migliore tardizione della corsa in montagna, il tratto finale  in discesa tra l'Alpe Julian e l'Arrivo in Bobbio.

 Tra le donne Genny Garda coglie un altro prestigioso successo, ed è particolarmente gradito che sia lei a continuare la tradizione che vuole qualche forte atleta valdostano a rappresentare qui la scuola della sua regione.

 

 

018

 

260 partecipanti sono un numero più che sufficiente per parlare di successo di adesioni, considerato il severo profilo altimetrico delle due gare.

Aggiungiamo la sensazione di un livello sportivo piuttosto alto, segno ancora evidente della tradizione altamente

 competitiva della tre Rifugi.

 

Però il riconoscimento più alto  va dato alla macchina organizzativa che ha reso possibile la gestione in contemporanea dei due eventi, con segnalazioni perfette, posti di ristoro ben forniti,sentieri puliti.

 

 

030

 

Cosa resterà di questo giorno grande?

Il ricordo si attenuerà certamente. Però qualche lavoro fatto resterà, e  sarà anche difficile perderne memoria.


Come per il sentiero militare nel Bosco dell'Autagna,appena ripristinato, con i suoi arditi tornanti in muri di pietra, ancora semicoperti dalla vegetazione, con i tronchi segati da poco, qualche radice ancora affiorante e la terra mossa di fresco.

 

 

 

 

 

 

 

larrivo di genny garda

 

 

 

A differenza di altri,questo è un trail dove si ritornerà sempre volentieri. E' benedetto dalla natura, dispone di una eccellenza organizzativa, c'è il pubblico.

 

 

 

Auguriamoci che cresca ancora e che diventi sempre più una festa del trail.

 

 

 

maurizio fenoglio al traguardo

 

 

Ancora Grazie !

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti  

 
0 #4 Vittorio 2012-07-24 22:40
Grazie amici, per la Tre Rifugi si fa questo ed altro.
Quello che mi piace è che sono due percorsi duri ma puliti, per gente che può spingere, per atleti di qualità.
E anche la logistica è ottima.
Per questo vi vedrei bene un grande appuntamento di campionato, nazionale o internazionale.
Spero che sia nelle ambizioni del Comitato e che non manchi un sostegno
istituzionale.

In fondo ho notato che nel nostro piccolo, io, Pino e Gaetano, venuti in valle il sabato sera,con le famiglie, siamo stati anche dei clienti interessanti per il ristorante, il campeggio, la rivendita dei formaggi, il bar,ecc.
Citazione
 
 
0 #3 Gilberto 2012-07-23 09:33
Complimenti Vittorio, come al solito un resoconto della gara impeccabile correlato da sempre bellissime fotografie. E complimenti anche per la prestazione sportiva tua e di Eleonora.
Citazione
 
 
0 #2 Claudio 2012-07-18 21:55
Un servizio che merita la lode. Vittorio, un sincero grazie dal Com. Org. Tre Rifugi
Citazione
 
 
0 #1 OrcoPino 2012-07-18 09:09
Complimenti Vittorio per l'articolo
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna