Banner
Torino
Sab

16°C
Dom

16°C
Lun

17°C

Login





Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

Ghilead-web n° 36

         Le fotografie le trovate postate negli album della pagina FOTOSPORT

                               Gli articoli non firmati sono miei

 

36 - 1 copertina36 - 1 sommario ok

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                              2017 OTTOBRE

seb 6 

 

     SBAAI METTE IN FILA I KENIANI

La Turin Half Marathon alla 18^ edizione si sposta da maggio a ottobre, cambia il percorso (per l’ennesima volta) in leggera discesa per migliorare i tempi, ma sostanzialmente resta sui numeri dello scorso anno 1125 classificati contro 1147, in più nasce la staffetta, 3 x 7 km, la NonSmokingRun, 50 formazioni al via.

Grande prestazione dell’atleta di casa, Youssef Sbaai, reduce dalla vittoria di Vinovo, che vince col personale di 1h02’42”, che mette in fila sei Keniani, Henry Kimani Mukuria a 13”, Johan Kipruto Koech a 15”, Paul Kariuki Mwangi a 34”, Gideon Cheruyot Kurgat a 1’06”, Samuel Ndungu Mwangi a 3’15” e Wilfrida Moseti, prima donna in 1h09’37”, seguita nella classifica femminile da due connazionali, Lucy Liavoga a 4’42” e Vivian Jerop Kemboi a 5’27” , la ruandese del Runner Team Clementine Mukandanga a 11’55” e Fabiola Conti del Cus Torino a 13’19”.

Vincono le categorie: SF35 Elisabetta Zanella (Giò 22 Rivera), SF40 Franca Cagnotti (Sportification), SF45 Paola Barzanti (Pod. Torino), SF50 Silvia Casale (id), SF55 Ine Middel (Belgio), SF60 Maria Alda Manzone (Team Marathon), SF65 Maria Grazia Navacchia (id), SM35 Bart Bleyaert (Francia), SM40 Giovanni Rinaldi (Pod. Torino), SM45 Luca Battaglio (Base Running), SM50 Giovanni Stella (Giannone), SM55 Eros Simini (id), SM60 Bruno Piazza (Runcard), SM65 Giovanni Macario (Team Marathon), SM70: Mauro Valsania (Giannone), SM75: Giuseppe Damato (Team Marathon)

     A YOUNG E KUZMINSKA IL LAGO NERO

A Borgofranco d’Ivrea domenica 1° ottobre 293 classificati al 2° Giro del Lago Nero UISP. Uomini: 1. Edward Young (Valchiusella) 35’51”, 2. Paolo Boggio (Berardo) 37’56”, 3. Maurizio Meoli (Tranese) 39’37”, 4. Claudio Cabodi (Cafasse) 39’52”, 5. Moreno Rossi (Valsusa) 39’59”. Donne: 1. Katarzyna Kuzminska (Forno) 43’12”, 2. Melissa Peretti (Peretti) 43’42”, 3. Mastewal Ghisio (Atl. Canavesana) 44’30”, 4. Enrica Perico (Pont S. Martin) 45’07”, 5. Alessandra Bresciani (Cafasse) 45’21”.

     A BOBBIO 246 INVINCIBILI36 - 1 trail degli invincibili fonte torinosportiva

Discreta partecipazione a Bobbio Pellice domenica al Trail degli Invincibili di 20 km don 1300 metri di dislivello, 246 classificati. Uomini: 1. Paolo Bert (Valle Infernotto) 1h38’14”, 2. Filippo Barazzuol (Scarpa) 1h41’41”, 3. Paolo Nota (Agnelli) 1h43’05”, 4. Filippo Rossi (Base Running) 1h43’16”, 5. Lorenzo Becchio (Pinerolo). Donne: 1. Alessandra Bianco (N.T) 2h07’24”, 2. Daniela Bonnet (Angrogna) 2h11’20”, 3. Giulia Oliaro (Pinerolo) 2h12’59”, 4. Enrica Scapin (Gasm) 2h22’08”, 5. Samanta Odino (Angrogna)

     DOPPIETTA MARATONETI GENOVESI

Domenica a Serravalle Scrivia si è corsa la 23^ edizione de I Brichi ‘d Seravale 12 km AICS, 156 classificati. Uomini: 1. Diego Picollo (Maratoneti Genovesi) 41’40”, 2. Davide Alessio (Solvay) 44’11”, 3. Hicham Dhimi (Atl. Novese) 44’50”. Donne: 1. Silva Dondero (Maratoneti Genovesi) 49’54”, 2. Teresa Repetto (Atl. Novese) 51’24”, 3. Annalisa Mazzarello (id) 54’41”

     LA CORSA DEL TARTUFO

Domenica a Montiglio Monferrato si corre la 12^ Podistica del Tartufo, corsa su strada e non trail come in un primo tempo comunicato, di 8 km, 131 classificati. Uomini: 1. Marco Dassetto (Atl. Settimese) 29’48”, 2. Stefano Velatta (Olimpia Runners) 29’55”, 3. Jacopo Musso (Alfieri) 30’36”. Donne: 1. Elisa Almondo (Brancaleone) 36’23”, 2. Mara Giovine (id), 3. Debora Ferro (Costigliole).

     HALF TRAIL DELLA VALLE GRANA

A Caraglio domenica il 2° Half Trail della Valle Grana, 21 km, vede al traguardo 107 classificati.

Uomini: 1. Simone Peyracchia (Valle Varaita) 1h14’42”, 2. Andrea Fornero (Sportification) 1h16’19”, 3. Enrico Chiapello (Roata Chiusani) 1h16’25”. Donne: 1. Elisa Giordano (Valle Grana) 1h30’51”, 2. Silvia Carle (Boves Run) 1h34’03”, 3. Stefania Cherasco (Dragonero) 1h34’34”

                    Prima settimana

     LA CARICA DEI SEICENTO A TESTONA36 - 2 testona   fonte podoandando

Il 35° Giro Podistico di Testona fa il pieno, 644 classificati, 550 adulti al traguardo.

Percorso lievemente ridotto da 9,4 a 8,7 km per problemi di viabilità, ma sempre impegnativo e bello. Vince Angelo Direnzo del Run di Max Strenghetto davanti all’M35 del Borgaretto Luca Staropoli, che precede l’atleta di Nic Giannone Antonio Palumbo. Arrivano poi Marco Mazzon dell’ Avis e Simone Lupi del Piossasco.

Continua il periodo positivo di Elisa Rullo F35 del Tiger, che precede Anita Zucalli del Borgaretto e Rosy Rullo F55 del Des Amis; al quarto posto Elisa Sartoretto F40 del Borgaretto seguita da Paola Barzanti F45 della Podistica Torino. Le altre categorie hanno incoronato: Luigina Definis F50 della Podistica Torino, Domenica Sorbara F60 della Chierese, Maria Grazia Navacchia F65 del Team Marathon, Franca Monasterolo F70 dell’Avis, Maria Bellanova F75 della Giordana Lombardi, Fabio Spadon M40 della Podistica Torino, Andrea Riu M45 dell’Olimpiatletica, Massimo Roberto M50 del San Michele, Giuseppe Alfarone M55 della Doratletica, Angelo Pepe M60 del None, Luigino Azzalin M65 del San Michele, Francesca La Regina M70 del Carmagnola e Eugenio Bocchino M75 del Cus. Nelle categorie giovanili vincono: Nicolò Osler CM Doratletica, Vittoria Fanton CF Des Amis, Simone Guidone RM Doratletica e Sara Ed Dandaoui RF Venturoli.

CRESCE LA MEZZA D’AUTUNNO

36 - 3 noviligureLa 32^ Maratonina d’Autunno a Novi Ligure, terza prova del Campionato di Società regionale e nona del CIS (criterium istituzionale strada) FIDAL vede 436 classificati contro i 329 dello scorso anno. Assegnato per la prima volta il Trofeo Renato Martini “Billy” , olimpionico di maratona negli anni ’70, 2h19’44”, otto volte azzurro e tre volte tricolore di maratona e cross, scomparso alla fine del 2016, sulla somma dei primi cinque tempi al Brancaleone.

Duello fino alla rientro in Novi tra Loris Mandelli di Carugate e Tariq Bamaarouf del Team Marathon, che vince in 1h11’20” con 24” di vantaggio. A 1’21” Marco Dassetto della Settimese, che precede di 12” Mohamed Rity del Delta Genova; quinto a 2’56”.

Elisa Stefani del Brancaleone domina la gara femminile in 1h18’33” con 2’36” sulla compagna Giovanna Caviglia, 6’44” su Debhora Li Sacchi dell’Olimpia Runners, seguita a 36” da Eufemia Magro del Dragonero e a 56” da Carola Corradi del Valle Scrivia.

In contemporanea organizzato dall’ AICS si è disputato il Trofeo Pasturana su 14 km, 160 classificati. Uomini: 1. El Jaoui Hicham (Gau Genova) 49’03”, 2. Simone Canepa (Avis Casale), 3. Giovanni Tornielli (Peralto Genova). Donne: 1. Claudia Marchisa (Solvay) 55’10”, 2. Valentina Martorella (Runcard), 3. Angela Giribaldi (Atl. Novese).

     100 KM DEL CANAVESE

36 - 4 100kmdelcanavesefacebookjpgLa Torino – S. Vincent del mitico Frazzetta è definitivamente tramontata, con l’ottava edizione dopo 50 km ad Alice Superiore, quota 610 metri, anziché proseguire a Nord verso Saint Vincent gira a destra, lambisce Ivrea e termina a Foglizzo, percorso molto più suggestivo e tranquillo rispetto al precedente. Da Piazza San ìCarlo sono partiti sabato in 150, all’arrivo in 114. Stefano Velatta partito per bissare il 2016, deve invece abbandonare per crampi all’85° km, via libwera per Enrico Maggiola della Fiamma Trieste, che vince in 7h44’58” con 27” su Marco Lombardi dei Runners Livorno e 1h01’37” sul barlettano Filippo Castriota.

Nella gara femminile s’impone in 9h16’05” la riminese Elisa Benvenuti con 16’19” su Daniela De Stefano di Castrovillari e 36’07” su Eleonora Rachele Corradini dei Bancari Romani.

     STRAFOSSANO A MOLETTO E BARALE

36 - 5 fossano bio correndoLa 15^ Strafossano, 10 km “scarsi” va in archivio con 286 classificati di buon livello. Vince marco Moletto dell’Applerun in 30’50” davanti a Davide Scaglia del Cus Torino a 27”, Massimo Galliano del Roata Chiusani a 32”, Manuel Solavaggione della Valle Varaita a 39” e Anteneh Salacca del Saluzzo a 47”

Gloria Barale del Cus Torino si aggiudica la gara femminile in 35’41” precedendo di 54” Mina El Kannoussi del Saluzzo in volata con Alice Tealdi del Roata Chiusani; a 1’06” Anna Arnaudo del Dragonero con 10” sui Paola Peretto del Saluzzo.

                    TRAIL CHE PASSIONE!

     MORENIC TRAIL A BROSSO

Sabato sono partiti in 137 da Andrate, 118,4 km da percorrere, sono arrivati in 101, 2 coppie e 46 staffette in aggiunta. Uomini: 1. Fabio Di Giacomo (Montura Running) 10h57’36”, 2. Gabriele Abate (Valsusa) 12h10’40”, 3. Franck Manivoz (Cimalp) 12h25’52”. Donne: 1. Caroline Roherl (Irlanda) 12h54’40”, 2. Graziana Pè (North Face) 13h32’15”, 3. Stefania Albanese (Triathlon) 15h46’13”. Staffette: 1. Technosport 9h20’23”

     TRAIL DEL MONTE CALVARIO

36 - 6 vasyl trail monte calvarioDomenica a Domodossola si corre il 3° Trail del Santuario del Monte Calvario, 17 km con 950 metri di dislivello, 204 classificati e 7 km, 350 metri Nordic Walking e non competitivo un centinaio. Uomini: 1. Vasyl Matviychuk (Gabbi) 1h18’35”, 2. Gabriele Bacchion (N.T) 1h19’22”, 3. Marco Giudici (Fisiodelta) 1h21’19”. Donne: 1. Mchela Urh (Insubria) 1h43’43”, 2. Elisa Masciocchi (Atl. 3 V) 1h46’06”, 3. Eugenia Giorgia Vasconi (Insubria) 1h48’13”.

7 km. Uomini: 1. Giuliano Bossone (Caddese). Donne: 1. Paola Varano (Bognanco)

     TRAIL DELLA TOMA A CONDOVE

Due distanze anche per il 3° Trail della Toma a Condove sabato 7 in occasione della 28^ Fiera omonima, 16 km, 1015 dislivello e non competitiva di 7,5 km, 255 classificati totali.

16 km. Uomini: 1. Salvatore Ragonese (Bergteam) 1h29’09”, 2. Andrea Negro (Des Amis) 1h29’43”, 3. Daniele Gallon (Canavesana) 1h31’06”. Donne: 1. Jessica Tieni (Atl. Susa) 1h49’14”, 2. Giusy Balilla ( Valsusa) 1h53’42”, 3. Lorena Casse (Atl. Susa) 1h57’51”

7,5 km. Uomini: 1. Fabrizio Casorzo (Giò 22 Rivera) 37’39”, 2. Davide Matta (id) 3onne: 1. Gabriella Cipriani (Gli Orchi Trailers) 52’26”, 2. Manuela Borgis (Atl. Susa) 53’00”, 3. Patrizia D’Orazio (id) 55’29”.

     ENDURO TRAIL A CARTOSIO

Doppia scelta anche a Cartosio nell’Acquese domenica 8, km. 25, dislivello 1400, km. 10, 490, classificati totali 58.

25 km. Uomini: 1. Corrado Ramorino (Bergteam) 2h01’49”, 2. Stefano Radaelli (Valetudo) 2h08’43”, 3. Ioan Maxim (Grivel) 2h09’20”. Donne:1. Luigina Porati (Gli Orchi) 2h59’20”, 2. Ilaria Pasa (Delta) 3h43’11”, 3. Stefania Fabiano (Triathlon) 4h35’22”

10 km. Uomini: 1. Mattia Grosso (Atl. Novese) 52’53”, 2. Alberto Nervi (Ata) 58’07”, 3. Luca Pari (id) s.t. Donne: 1. Sandra Belletti (Brancaleone) 1h10’04”, 2. Silvia Artin (id) 1h11’11”, 3. Veronica Ferraioli (N.T) 1h17’42”

     IN 200 SCALANO IL SANTUARIO

A Cuceglio domenica 8 nuovo appuntamento UISP nel Canavese con la 3^ Scalata al Santuario di 9,8 km, 197 i classificati. Uomini: 1. Paolo Boggio (Berardo) 36’36”, 2. Michael Zagato (Dora Baltea) 37’12”, 3. Claudio Cabodi (Cafasse) 38’16”. Donne: 1. Melissa Peretti (Peretti) 42’32”, 2. Chiara Giovando (Bairese) 44’19”, 3. Rosita Ferrara (Peretti) 48’18”.

     A GALLO E PERICO LA 49^ CALEA

E’ una delle più antiche corse in montagna italiane la Calea – Brosso – Calea di 11 km dedicata all’alpino Mario Franza di Brosso mai tornato dal campo di concentramento.

Domenica alla 49^ edizione hanno partecipato 65 atleti, ha vinto Paolo Gallo del GS Orobie in 46’58” davanti a Claudio Alberto dell’Atletica Susa a 1’32” e Luca Vacchieri del Des Amis a 1’57”

La gara femminile ha visto il successo di Enrica Perico del Pont S. Martin in 57’18” seguita a 4’57” da Paola Borio della Tranese ed a 5’15” da Sara Giacoletto Papas del Forno, l’augurio è che per le nozze d’oro possa tornare agli antichi splendori.

     TRA I NOCCIOLETI A CASTELLERO

Sabato 7 a Castellero si svolge la 32^ Corsa tra i Noccioleti di 7,5 km, 131 i classificati. Uomini: 1. Alessandro Arnaudo (Castagnitese) 27’26”, 2. Davide Cane (Sai F.B), 3. Achille Faranda (Brancaleone) . Donne: 1. Greta Negro (Tronfo Ligure), 2. Mara Giovine (Brancaleone), 3. Mirella Bianco (Costigliole).

     ANCORA DI SCENA I GIOVANI NEL VCO

Sesta prova del Campionato giovanile su strada del VCO a Domodossola con 133 atleti in erba dai 6 ai 17 anni. Vittorie di categoria: AM Thomas Floriani (Caddese), AF Veronica Bona (Ossolana Vigezzo), CM Cristian Beltrami (Caddese), CF Elisa Tabacco (Genzianella), RM Emanuele Carlo Colombo (Arona), RF Gaia Bondioni (Bognanco).

     SE SON ROSE

Una notizia che apre il cuore alla speranza.

Alla Mezza Maratona di Treviso, 2270 classificati, esordio col botto dell’albese Pietro Riva delle Fiamme Oro, Campione Europeo 10000 Juniores lo scorso anno.

A soli 20 anni vince col tempo di 1h04’55”, a 1’11” il compagno Paolo Zanatta e a 2’26” il favorito della vigilia, il Keniano Elvis Kipckoech.

                    Seconda settimana

Piatto ricco mi ci ficco, grandi appuntamenti e grande partecipazione nella seconda settimana di ottobre, due su tutti

     LA CORSA PERFETTA

36 - 7 pettinegoatleticacanavesanaIl Giro internazionale di Pettinengo, giunto alla 44^ edizione, si conferma la manifestazione perfetta del Podismo, tutte le sue componenti sono ugualmente rappresentate e con pari dignità.

Cominciano le categorie giovanili, nove partenze per un totale di 436 atleti in erba dai 5 ai 15 anni.

Partono poi le donne Master e gli uomini insieme agli Allievi, per terminare con le stelle internazionali, altri 260 classificati.

Uno spettacolo appassionante dalle 9,30 fino a mezzogiorno, poi tutti a pranzo sotto il tendone, compreso nell’iscrizione, oltre a tutto gratuita per i giovani provenienti anche da fuori regione per il Campionato delle Province, ciliegina sulla torta i titoli regionali giovanili. Classifiche.

JPSM km 10: 1. Yasin Hayato (Etiopia) 27’56”, 2. Damas Faraja Lazaro (Tanzania) 27’57”, 3. Daniele Meucci (Esercito) 28’02”, 4. James Kibet (Kenia) 28’06”, 5. Michael Jordan (USA) 28’11”

AJPSF km. 4: 1. Daisy Jepkemei (Kenia) 12’03”, 2. Stella Chesang (Uganda) 12’23”, 3. Janat Chemusto (id) 12'242, 4. Eilish Mc Colgan (UK) s.t., 5. Lucy Wambui Murigi (Kenia) 13’01”, 6. Valeria Roffino (FF.AA) 13’06”.

AM km. 4,5: 1. Luca Alfieri (Bovisio M)14’14”, 2. Mattia Galliano (Roata Chiusani) 14’53”, 3. Vojtech Dryak (CZE) 15’09”

SMM km. 4,5: 1. Massimo Galliano (Roata Chiusani)14’41”, 2. Alessandro Pisani (Candelo) 15’29”, 3. Gennaro Piermatteo (Daini) 16’07”

36 - 8 pettinengo2SFM km. 4: 1. Monia Marchetti (Iriense) 15’51”, 2. Carla Young (Valchiusella) 16’38”, 3. Miriam Stewartova (CZE) 16’53”

CM: 1. Nico Boketta (CZE), 2. Teshale Zanchetta (Alfieri) C.R., 3. Matteo Pintus (Atl. 87)

CF: 1. Giulia Bellini (Free Zone), 2. Chiara Copelli (Runner Team) C.R., 3. Lucia Zvolankova (CZE)

RM: 1. Eamanuele Carlo Colombo (Arona) C.R., 2. Daniele Frezzato (Cinisello), 3. Alberto Rolando (Pinerolo)

RF: 1. Anna Castellani (Rovato), 2. Greta Michieli (Borgaretto) C.R., 3. Elena Bistagnino (Atl. Alessandria)

Province: 1. Milano, 2. Torino, 3. Cuneo.

Società: 1.Atl. Alessandria, 2. Stronese, 3. Bugella.

Antipasto sabato con la 26^ edizione del Miglio Città di Biella con 192 atleti e 108 studenti

Top F: 1. Daisy Jepkemei (Kenia) 4’41”, 2. Eilish Mc Colgan (UK) 4’46”, 3. Moira Stewartova (CZE) 5’16”.

Top M: 1. Viktor Sinagl (CZE) 4’15”, 2. Hicham Amghar (Marocco) 4’16”, 3. Yasin Hayato Haji (Etiopia) 4’17”

AJPSM: 1. Mamadou Abdoulaye Yally (Senegal) 4’42”, 2. Omar Bouamer (S. Orso) 4'432, 3. Lorenzo Brunier (Calvesi) 4’44”

AJPSF: 1. Lara Giardino (Biellea Running) 5’26”, 2. Jenny Mainelli (id) 5’29”, 3. Barbara merlo (Splendor) 5’47”

M35-45: 1. Matteo Rinaldi Biolcati (Biella Running) 4’56”. M50 – 55: 1. Giovanni Cremonte (Iriense) 5’17”. M60 – 70: 1. Andreino Comuzio (Robbiese) 5’40”

Staffette Medie Inferiori a 5: 1. Cossato A 11’34”

Superiori a 4: 1. Bona A 10’19”

     LA CORSA PIU’ AMATA36 - 9 unacorsadarebaserunning

Oramai non è più un fenomeno, è una tradizione, Una Corsa da Re del Base Running, giunta alla sesta edizione porta nel Parco della Mandria a Venaria 7000 podisti, il dato più importante, sul quale riflettere, è che alla fine dei conti i competitivi sono solo 1395, un bel numero, certo, ma …

Quattro le opzioni, una esclusivamente non competitiva, la 4 km per famiglie e principianti, stimati in circa 2000, tre open, agonisti e non.

Alla 30 km, ottimo test a 15 giorni dalla Maratona di Torino, si classificano in 500, vince l’atleta degli organizzatori Francesco Grillo in 1h44’26” davanti ad Alberto Mosca del Palzola a 2’22”, e Mikael Mongiovetto del Sant’Orso a 4’29” in volata con Michael Zagato dell’Applerun.

La gara femminile va a Claudia Marietta del Lammari in 2h07’39” con 45” su Renata Vegelj del Base Running e 2’56” su Elisa Rullo del Tiger

La 21 km vede all’arrivo 937 atleti, vince Stefano Rolland del Cus Torino in 1h13’29” con 1’ sul veterano Luca Cerva Perolin del Forno e 2’13” su Pierluigi Senor di Marene.

L’alessandrina del Solvay Claudia Marchisa si aggiudica la gara femminile in 1h26’33” con 3’22” su Rosy Rullo del Des Amis e 4’29” sulla novarese Fulvia Corbella.

Ben 3343 classificati nella 10 km, taglia per primo il traguardo un “non competitivo” Alberto Monasterolo in 32’36” che precede di 5” il vincitore ufficiale Federico Carmagnola della Canavesana, sul podio anche Fabio Bosio dell’Olimpia Runners a 22” e Francesco Argenio del Gtt a 1’02”.

Paola Pretto del Saluzzo vince tra le donne in 37’47” con 3” su Carla Primo del Base Running, al rientro dopo una lunga malattia, e 2’28” su Sara Trevisan di Cogne.

     IN 500 PER IL SEDANO ROSSO

Grande partecipazione a Orbassano alla nona edizione della corsa organizzata dalla UISP in occasione della Fiera del sedano rosso con 489 classificati.

La vittoria va a Marco Moletto M23 dell’Applerun, sempre più a suo agio in pianura, in 31’12” precedendo due giovani del Cus Torino Amanuel Falci M18 di 28” e Stefan Iulius Gavril di 59”; al quarto posto Agostino Lanzo M35 del Cafasse a 2’09”, quinto a 2’32”Antonio Giardiello del Gtt

Antonella Gravino F35 dell’Equilibra precede tutte in 37’49” con 46” su Fabiola Conti F18 del Cus Torino e 1’27” su Giorgia Murdolo F40 della Podistica Torino; a 2’52” Elena Graziano F23 dell’Equilibra e a 3’ Camilla Calosso della Sisport. Altri vincitori di categoria: M40 Bruno Santachiara (Pod. Torino), M45 Andrea Riu (Olimpiatletica), M50 Angelo Cottitto (Bairese), M55 Giuseppe Alfarone (Doratletica), M60 Angelo Pepe (None), M65 Luigino Azzalin (S. Michele), M70 Francesco La Regina (Carmagnola), M75 Carlo Marino (Baudenasca), F45 Cinzia Chiri (id), F50 Luigina Definis (Pod. Torino), F55 Tiziana Semeraro (Gtt), F60 Maria Alda Manzone (Atp), F65 Maria Grazia Navacchia (id), F70 Franca Monasterolo (Avis Torino), F75 Venerina Magda Callegari (G. Lombardi). AM Andrea Scrivani (Durbano Rivarolo), CM Nicolò Osler (Doratletica), CF Lidia Favarò (Venaria), RM Simone Guidone (Doratletica), RF Sara Ed Dandaoui (Pont Donnas)

     DOPPIETTA DES AMIS AL MUSINE’36 - 10 musin

La corsa al Musinè UISP, con partenza da Caselette raggiunge la 32^ edizione con 143 classificati su due opzioni, up solo salita, classic salita e discesa. Classifiche. Classic. Uomini: 1. Luca Vacchieri (Des Amis) 47’48”, 2. Massimiliano Di Gioia (Valsusa) 47’54”, 3. Roberto Giacchetto (Valchiusella) 50’46”. Donne: 1. Paola Martoglio (N.T) 59’00”, 2. Sara Giacoletto Papas (Forno) 1h08’06”, 3. Elena Benecchi (id) 1h09’31”

Up. Uomini: 1. Giovanni Bosio (Des Amis) 31’31”, 2. Angelo Divincenzo (Run) 32’07”, 3. Luca Gronchi (Valsusa) 32’45”. Donne: 1. Alessia Ghezzo (N.T) 37’59”, 2. Francesca Bellezza (Valsusa) 39’09”, 3. Jessica Tieni e Stella Riva (Atl. Susa) 40’44”

     STRACOLLINARE A VAUDA PER 200

Buona adesione all’11^ Stracollinare di 15 km UISP, quest’anno in partenza da Vauda, con 193 classificati. Uomini: 1. Claudio Cabodi (Cafasse) 56’58”, 2. Vittorio Zungri (Bairese) 57’34”, 3. Giuliano Franco Caresio (Durbano Rivarolo) 58’29”, 4. Enrico Cigna (Dora Baltea) 58’54”, 5. Rocco Blonda (Cafasse) 58’57”. Donne: 1. Rosita Ferrara (Peretti) 1h10’41”, 2. Marica Brancaleoni (Durbano Rivarolo) 1h12’25”, 3. Mirella Bioletti (Cafasse) 1h14’08”, 4. Rossella De Toma (Runcard) 1h14’37”, 5. Monica Canepa (Durbano Rivarolo) 1h15’18”

     IL TRAIL DEL VINO VEDE DOPPIO36 - 11 trail del vino

Doppio trail a Tortona sia come distanze che come approvazione, 9 km FIDAL , 21km UISP, per un totale di 202 classificati.

21km. Uomini: 1. Giovanni Maiello (Runcard) 1h23’49”, 2. Abdel Aziz Meliani (Atl. Pavese) 1h26’11”, 3. Davide Ansaldo (Bergteam) 1h27’11”. Donne: 1. Katia Figini (Azalai) 1h40’07”, 2. Benedetta Broggi (Raschiani) 1h40’08”, 3. Agnese Motta (Boggeri) 1h52’11”

9 km. Uomini: 1. Enrico Gabriele Ponta (Solvay) 36’19”, 2. Mattia Grosso (Atl. Novese) 36’38”, 3. Paolo Bertaia (Brancaleone) 36’40”. Donne: 1. Teresa Repetto (Atl. Novese) 44’49”, 2. Susanna Scaramucci (Varazze) 46’15”, 3. Benedetta Balostro (Maratoneti Genovesi) 51’02”.

     LANDANDE’ ECO TRAIL A VICOFORTE

A Vicoforte fa tappa il Trofeo ECO Piemonte per il 2° Landandè Eco Trail, 22,5 km con 698 di dislivello, sulle colline del Monregalese, 111 classificati. Uomini: 1. Luca Dalmasso (Roata Chiusani) 1h39’31”, 2. Silvio Giuseppe Braida (Valtanaro) 1h39’38”, 3. Fabrizio Bongioanni (Pam). Donne: 1. Debhora Li Sacchi (Olimpia Runners) 1h55’27”, 2. Sonia Maria Balbis (Pam) 1h58’57”, 3. Raffaella Canino (Runcard) 2h17’00”

     A GALLIANO E BARALE I DUE MULINI

A San Paolo Solbrito si corre la 26^ edizioni della Due Mulini di 12 km, 155 classificati. Uomini: 1. Daniele Galliano (Atl. Alba), 2. Alessandro Arnaudo (Castagnitese), 3. Lorenzo Secco (Sciacca). Donne: 1. Gloria Barale (Cus Torino), 2. Roberta Bombaci (Sciacca), 3. Fatma Careglio (Ferrero)

TRA LE RISAIE DI BALZOLA

Solo 77 classificati a Balzola per Corri tra le risaie 14,6 km AICS. Uomini: 1. Matteo Volpi (Solvay) 52’33”, 2. Edoardo Momo (Avis Casale) 53’38”, 3. Paolo Martinotti (Cartotecnica) 55’06”. Donne: 1. Mara Della Vecchia (Palzola) 1h03’32”, 2. Simona Bracciale (GP Garlaschese) 1h06’29”, 3. Giovanna Moi (Atl. Alessandria) 1h12’09”

                    Terza settimana

     UTLO SUPERSTAR

Non ci sono parole per descrivere lo spettacolo dell’Ultra Trail Lago d’Orta andato in scena da venerdì a domenica con 5 distanze a disposizione di 1700 appassionati giunti anche da 40 Paesi stranieri.

Venerdì sera alle 23 sono partiti da Omegna in 300 per affrontare 120 km con dislivello totale di 7.300 metri, al traguardo sono arrivati in 209, in testa lo svizzero Walter Manser dopo 14h55’03”, dopo 37’44” Giulio Ornati del Salomon, completa il podio il francese Remi Berchet a 1h06’20”

36 - 12 utlo fonte biocorrendoLa prima donna è Francesca Canepa del Montblanc in 19h29’23” con 1’48” sulla “libera” Anna Biasin, a 1h12’16” la britannica Zoe Salt.

Sabato mattina alle 7 partono in 210, da percorrere 82 km con 5.600 di dislivello, all’arrivo 183, vince il tedesco Johannes Klein in 9h42’01” con 5’34” su Carlo Salvetto dell’Erock e 24’28” sul francese Alban Berson

La britannica Rachael Campbell taglia il traguardo dopo 12’10”35 con 37’20” sulla ceka Andrea Vlasakova e 50’35” sulla connazionale Saphie Amy Grant.

Alle 9 è la volta dei 57 km con 3.200 di dislivello, al via in 474, ne arrivano 446, successo per Riccardo Borgialli del Bergteam in 5h54’20”, a 5’32” lo svizzero Roberto Delorenzi e 8’48” Stefano Rinaldi dell’Eolo.

Nel femminile vince la svedese Sophie Stroemberg in 7h12’55”, a 1h04’53” l’azzurra dei Bergamo Stars Lisa Borzani, a 2h16’44” Francesca Ferrari della Franciacorta.

A mezzogiorno parte la 34 km, con 2.200 di dislivello, al via 480, all’arrivo 445, il primo a sfrecciare sul traguardo è lo svizzero Matteo Ceresa in 3h41’23” seguito a 4’ dal francese Tomas Rozè e a 8’44” da Riccardo Montani dell’Ossola Sky Race.

La tedesca Susi Leli conquista la gara femminile in 4h05’02” con 23’57” su Katia Chiara Figini dell’Azalai e 26'13” su Agnese Valz Gen de La Vetta.

Si conclude domenica con la partenza da Pella della 17 km con 600 di dislivello, 229 al via solo 3 ritirati. Vince Matteo Spreafico dell’Insubria in 1h23’00”, a 2’10” Gianluca Cola del Minerva e a 2’17” Paolo Ferrigato della Caddese.

L’azzurra Lara Mustat del Minerva è la prima donna a tagliare il traguardo in 1h43’57” con 30” sulla “libera” Sanda Opayets e 1’50” su Teresa Caimi del Cus Propatria.

     CARRERA BEAU JEST A GAGLIANICO

36 - 13 arrivo italo - francescoSempre ottima organizzazione al Giro delle Cascine a Gaglianico, che festeggia le 44 candeline, peccato che dei 355 prenotati, siano partiti solo 277, è un malcostume che dovrebbe essere evitato per correttezza.

Correttezza che ha caratterizzato il finale della gara, Italo Quazzola del Casone Noceto, in testa con una quarantina di metri su Francesco Carrera dell’Atletica Piemonte, all’ultima rotonda sbagliava strada, tornava subito indietro, ma secondo, Carrera rallentava e non effettuava la volata, così Quazzola si aggiudica la gara in 30’14” con 1” di vantaggio; al terzo posto il giovane Andrea Nicolo dell’UGB a1’10” con 12” su Marco Gattoni del Palzola e 56” su Agostino Lanzo dell’Olimpia Runners.

Nessun problema per l’azzurra Valeria Roffino delle Fiamme Azzurre , che vince in 34’27” con 1’46” sulla giovane Mastewal Ghisio della Canavesana e 1’55” su Debhora Li Sacchi dell’Olimpia Runners: a 2’50” Federica Poletti della Sport & Sportivi e a 4’28” Miriam Di Vincenzo del Cafasse.

     IN 450 A LA MANDRIA

Sempre ben frequentata la gara dell’Interforze a Venaria nello splendido scenario de la Mandria, fra non molto sede di allenamento per i fondisti azzurri, come ha annunciato Stefano Baldini venerdì nella sua visita, dopo aver consegnato a Rivarolo la medaglia d’oro della 4 x 400 Europea ad Alberto Nardi della Canavesana, che aveva corso le batterie, ma non la finale.

Un Centro Sportivo con stadio e arena, dal 4 novembre ci saranno 4 percorsi da 4, 8, 10 o 15 km con partenza dal Ponte Verde.

Tornando alla gara di 10 km con 396 classificati adulti e 51 giovani, vince Francesco Carmagnola della Canavesana davanti a Angelo Direnzo del Run, Antonio Rocci del Borgaretto, Marco Mazzon dell’Avis Torino e Mattia Torazza del Cus Torino.

Federica Corradini del Corradini è la prima donna seguita da Giulia Montagnin dei Maratoneti Genovesi, Elisa Rullo del Tiger, Patrizia Signorino del Venaria e Laura Rao del Venaria.

Vincitori giovanili: AM Andrea Scrivani (Canavesana), AF Elena Quaceci (Venturoli) CM Nicolò Osler (Doratletica), CF Alessia Iannelli (id), RM Simone Guidone (id), RF Sara Ed Dandaoui (Venturoli)

     40 ANNI PER I PODISTI ALBESI

Il Trofeo Podisti Albesi, senza più lo sponsor del Mokafè festeggia i 40 anni con 248 classificati. Davide Scaglia del Cus Torino precede Maurizio Tavella dell’Avis Bra, Daniele Galliano dell’Atletica Alba, Enrico Aimar del Roata Chiusani e Moreno Dalmasso della Buschese.

Ancora un successo per la veterana del Boves Run Giuseppina Mattone davanti a Eufemia Magro del Dragonero, Lucia Natalicchio del Ferrero, Erika Testa dei Podisti Albesi e Sabrina Galliano della Buschese.

     GAGLIARDI E BARETTO A CAPRIATA

Sesta edizione per Correndo a Capriata di 11 km UISP, 165 classificati. Uomini: 1. Gabriele Gagliardi (Brancaleone) 37’46”, 2. Diego Picollo (Maratoneti Genovesi) 37’51”, 3. Ridha Chihaoui (Cambiaso Risso). Donne: 1. Iris Baretto (Trionfo Ligure) 45’28”, 2. Greta Negro (id) 46’12”, 3. Mara Giovine (Brancaleone) ZIBALDON

                      Quarta settimana

     ADDIO TURIN MARATHON36 - 14 maratona di to - fonte lastampa

Alla 31^ edizione la Turin Marathon diventa “italiana” come Maratona di Torino, riesce ad avere 1364 arrivati contro i 1576 dello scorso anno, più 226 della 30, e 2000 (stimati) della 8 km, ma perde in qualità e concentrazione.

La vittoria va alla Promessa azzurra Alessandro Giacobazzi de La Fratellanza di Modena in 2h15’25” con 1’24” sul keniano Simon Kamau; Youssef Sbaai della Team Marathon completa il podio a 3’55”; a 23’31” (!) Samson Mongai Kagia del Calvesi e a 25’17” il runcard Mario Romano.

Tempi altissimi per le donne, la polacca Patrycja Wlodarczyk taglia il traguardo, camminando, dopo 2h53’27” con 3’05” sulla keniana Ruth Chelangat Wakabu, 5’26” su Claudia Marietta del Lammari, 12’16” su Romina Casetta del Ferrero e 8’47” su Daniela Vittoria del Solvay. Meritano una citazione i primi di categoria: PSF Priscilla Pasini (Sisport), F35 Elisa Turolo (S. Giacomo), F40 Claudia Martina (Team Marathon), F45 Jeni Broasca (Arona), F50 Ruth Tuman (Valpolcevera), F55 Monica Brancaleoni (Durbano Rivarolo), F60 Alessandra Brendolan (Atl. Vicenza), F65 Maria Grazia Navacchia (Team Marathon), M35 Paolo Nota (Applerun), M40 Elio Pagnotti (Cafasse), M45 Ginfranco Vivirito (Chierese), M50 Silvio Bertone (Giannone), M55 Eros Simini (id), M60 Marc Quadfleig (Runcard), M65 Domenico Galfione (id), M70 Francesco La Regina (Carmagnola), M75 Giuseppe Damato (Team Marathon)

Al via da Nichelino al 30 km, vince Giovanni Stella del Team Giannone in 1h51’39” con 1'22” su Davide Elifani dell’Olimpiatletica e 5’45” su Luca Battaglio del Base Running.

Elisa Zanusso del Team Marathon è la prima donna in 2h09’05” davanti a Paola Barzanti della Podistica Torino a 1’43” e Federica Viano Runcard a 2’34”

     DOPPIETTA AVIS BRA AD ALBA

Oltre 900 podisti al via dell’8^ Ecomaratona del Barbaresco e Tartufo bianco di Alba, 233 classificati all’arrivo della maratona e 652 della mezza.

Lorenzo Perlo dell’Avis Bra domina la maratona in 2h48’33” , a 17’35” Enrico Chiapello del Roata Chiusani, a 19’11” Michele Evangelisti del Triangolo Sport, a 22’27” Giorgio Pulcini dello Sportification ed a 24’06” Lorenzo Maiandi dell’Atletica Vercelli.

Monica Pilla del San Marco si aggiudica la prova femminile in 3h24’11” davanti a Sonia Ceretto dei Maratoneti Tigullio a 6’33”, Maria Pizzino del Pavanello a 10’16”, Valentina Pippo dei Maratoneti Tigullio a 20’00” e Kirsten Braen del Beringen a 43’50”

Anche la mezza vede la vittoria dell’Avis Bra con Maurizio Tavella in 1h15’35” , che precede Manuel Bortolas della Podistica Torino di 52”, Alessandro Arnaudo della Castagnitese di 4’38”, Gabriele Astorino del Brancaleone di 8’31” e Federico Airola del Monterosa di 8’34”

Camilla Magliano della Podistica Torino stravince la gara femminile in 1h27’11” con 12’21” su Paola Bazzano del Valpellice, 16’23” su Damiana Olivero del Roata Chiusani, 17’17” su Rita Urbano della Settimese e 17’ 35” su Manuela Serventi del Valpellice.

     OLTRE 700 AL TRAIL DI ANDORNO

Grande successo del Trail del Monte Casto ad Andorno Micca con 315 al via de Lungo, 46 km e 428 del Corto, 21 km.

Nel Lungo nuovo record di 3h56’37” per merito di Cristian Minoggio del Valetudo che precede due compagni, Clemente Belinghieri a 10'29” e Stefano Radaelli a 13’03” ex aequo con Ivan Camurri del GSA Valsesia.

Sonia Glarey del Pont S. Martin domina la gara femminile in 5h00’06” con 4’30” sulla statunitense Kate Wood e 5’39” sulla francese Belinda Hall Daudet.

Nel Corto successo di Alberto Comazzi del Salomon in 1h34’02” davanti a Enzo Mersi del Monterosa a 1’34” e Danilo Lantermino della Valle Varaita a 2’47”

Chiara Giovando del Monterosa vince la gara femminile in 1h54’18” con 1’02” su Barbara Cravello del Pollone e 3’12” su Michela Uhr dell’Insubria

     E LA CHIAMANO NON COMPETITIVA !

Oltre 900 concorrenti alla NON competitiva Stra Lago d’Orta da Pella a Orta, 148 nella 21 km e 784 nella 14,5.

21 KM. Uomini: 1. Corrado Mortillaro (Palzola) 1h13’05”, 2. Davide Maggi (Sport & Benessere) 1h14’48”, 3. Giuseppe Abbatecola (Circuito Running) 1h14’53”. Donne: 1. Lorena Brusamento (Gaggi) 1h31’27”, 2. Ambra Mascheri (Rho) 1h32’18”, 3. Tiziana Di Sessa (Gravellona) 1h34’02”

14,5 KM. Uomini: 1. Mattia Bertoncini (GSA Valsesia) 52’01”, 2. Maciej Jagusiak (SBS) 52’11”, 3. Emanuele Neve (Capriaschese) 52’19”. Donne: 1. Ilaria Zaccagni (Palzola) 56’45”, 2. Federica Poletti (Sport & Sportivi), 3. Valentina Dameno (Ovest Ticino) 57’17”

     DOPPIO CROSS AD ARONA36 - 15 cross di arona bio correndo

Il 6° Cross della Rocca ad Arona ha visto impegnate le categorie adulte sabato, mentre i giovani hanno gareggiato domenica.

Sabato 163 classificati divisi in 3 serie.

JSM40: 1. Alex Baldacciini (Valle Brembana), 2. Italo Quazzola (Casone Noceto), 3. Mario Giudici (Caddese). SM45 e oltre: 1. Vincenzo Francesco Ambrosio (Dragonero), 2. Fabio Di Centa (Caddese), 3. Livio Barozzi (Marathon Verbania). Donne: 1. Roberta Vignati (Sangiorgese), 2. Chiara Schiavon (Sisport), 3. Marta Lualdi (San Marco)

Domenica al via 177 giovani, la maggior parte Esordienti, vincono le categorie: AM Thomas Floriani (Caddese), AF Martina Ceriani (Pol. Olonia), CM Giovanni Ornaghi (Atl. 99 Vittuone), CF Myriam De Rossi Giuli (S. Stefano), RM Emanuele Carlo Colombo (Arona), RF Marina Zennaro (Marathon Verbania)

     STRAVIGU PER 300

Viguzzolo fa il pieno con 207 competitivi e 111 non competitivi alla 5 Miglia organizzata dall’Azalai per l’UISP Pavia. Uomini: 1. Corrado Pronzati (Maratoneti Genovesi) 25’56”, 2. Mohamed Ben Kacem (Atl. Pavese) 26’57”, 3. Alessandro Bossi (Avis Pavia) 27’20”. Donne: 1. Karin Angotti (Garlaschese), 2. Roberta Scabini (Iriense), 3. Clara Nobile (id).

TANTI GIOVANI AL MAIS ROSSO

Sabato a Banchette d’Ivrea la 5^ Corsa del mais rosso ha totalizzato 212 presenze con 116 giovani e 86 adulti impegnati in un trail di 7,5 km.

Uomini: 1. Edward Young (Valchiusella), 2. Andrea Battaglia (Atl. Canavesana), 3. Flavio Ponzina (Atl. Piemonte). Donne: 1. Debhora Li Sacchi (Olimpia Runners9, 2. Mastewal Ghisio (Atl. Canavesana), 3. Giada Licandro (id).

CM Alessio Allazzetta (Atl. Ivrea), CF Chiara Copelli (Runner Team), RM Elio Pagella (Atl. Ivrea), RF Aurora Fortunato (id)

 

 

corriVolvera  12 – 11 – 2017                                   Diario della Domenica

36 - volvera 1Giornate fisicamente solo discrete quelle che sto vivendo dopo il brutale attacco dei virus. Qualche strascico come da leggero stato influenzale, sfumato malessere e lieve raffreddore che però, data la stagione e l’impossibilità di curarmi come dovrebbe esser giusto (legge del Coumad e pillole varie), conduce a velati timori.

36 - volvera 2In condizioni ottimali nessun tentennamento, ma visto il nebbione che scorgo aperta che ho, per meglio vedere, la finestra, qualche cattivo pensierino mi assale. La carta vincente su pigrizia e timori, però, questa mattina ce l’ho e si chiama Paracqua.

36 - volvera 3In città la nebbia è assai meno fitta, ma di certo non coltivo illusioni. Spingo “al buio” Poppolina sino a Volvera nella speranza che essa si sollevi prima delle 10 così da permettermi di fotografare senza problemi… ma la speranza resta vana! Nebbione sino al termine dei click.

36 - volvera 4Oggi a cliccare non è presente unicamente Monica ph, ma pure Andrea uomochecorre. In compagnia del simpaticissimo BabboClick. Ma sono amici e, forse inconsapevolmente, ci dividiamo i compiti in quanto io sono essenzialmente “fotografo” di movimento mentre essi stazionano generalmente nelle vicinanze del traguardo.

Il rischio nell’allontanarsi dal centro abitato è evidente in quanto la nebbia è fitta assai nei campi che attorniano Volvera, ma ritengo sia più che giusto dare un’idea delle condizioni in cui si disputa la gara. Foto scarsocchie ma che considero più godibili da chi ha vissuto sulla pelle l’umidità della mattinata.

36 - volvera 5Compensare ok, ma basterà uno 0,3? La nebbia non sempre è fissa nella sua intensità e gli scatti che vado ad eseguire non sono “artistici” (che la nebbia nel caso è amica), bensì “documentaristici”. Così decido che lo 0,3 può bastare… e poi si vedrà. Un Vero Fotografo ha esperienza, io nessuna. Come tanti altri sono “fotografo della domenica” (e neppure di tutte…).

36 - volvera 7Qualche timore perché l’obiettivo non è tropicalizzato mi coglie, così come non vorrei che l’umidità bagnasse la lente, ma sono timori che svaniscono non appena il primo concorrente si presenta davanti a me.

36 - volvera 8La posizione scelta è “buonicchia” (buona vi fosse il sole) in quanto mi permette di scattare una prima parte e poi una seconda, quella diretta all’arrivo, spostandomi unicamente di una decina di metri. Qui i concorrenti in arrivo svoltano sulla sinistra per iniziare l’anello esterno. La luce è a favore, purtroppo la nebbia no…

Malgrado scatti la prima parte (non tutta, diciamo un due terzi) tenendo d’occhio l’arrivo di quelli già in fase di ritorno, il migliore di essi incomprensibilmente mi sfugge. Scatto perciò ad Angelo Direnzo festeggiandolo come fosse il primo… (la giustificazione è che da questi è lontano più di 2’).

36 - volvera 9Quando gli arrivi iniziano a diradare e riconosco i personaggi impegnati nella “gara degli ultimi”, inizio il solito ritorno a gambero alla volta del traguardo. Lieto comunque della personale prestazione podistica dati gli handicap del momento.

Competizione priva di vere luci, come giustamente è delegato alle gare UISP, con atleti da “primi 10-15” che in esse trovano motivi di soddisfazione.

Incontri di oggi coronati da bla bla con Genio Bocchino ed il suo braccio destro John, con Andrea uomochecorre ed il suo Babbo, con Marco Sciretti-con-la-c, ragazzino GSPTtino oggi ventiquattrenne lodevolmente impegnato sul percorso come volontario.

                          CLASSIFICA 

 

 

straRivoli  19 – 11 – 2017                                        Diario della Domenica

36 - rivoli 1Continua il momento poco IN seppur non proprio OUT.

Condizioni fisiche discrete in settimana che inspiegabilmente peggiorano il sabato tanto da farmi mettere in dubbio l’eventuale uscita Click. Come la settimana scorsa, però, fortunatamente c’è Paracqua!

È un po' malinconico attendere il driiiiinnn! dell’amico al sabato sera per vincere i timori, per aprire la porta di casa e uscire, vero. Ma non riesco ancora a mettere il naso fuori dal buco usando le mie sole forze.

36 - rivoli 2Aspirina il sabato sera, Aspirina domenica mattina, e io speriamo che me la cavo.

Nessuna visita Click al ritrovo presso la sede dei 4 Mori, associazione che da 32 anni (con questa) organizza la gara supportata dal G.S. Murialdo. L’ultima mia presenza 2, 3 o 4 anni fa (ho buttato gli scatti della partenza, gli unici eseguiti), poi un volontario mi ha spedito dalla parte opposta degli atleti indirizzati all’arrivo. Depistato come non di rado mi è successo a Ciriè, per cui preferisco evitare dette gare.

36 - rivoli 3Domenica prossima, è il mio ragionamento, non vado da nessuna parte. Si corre al Parco Ruffini, ma lì mai e poi mai: con tutti quei giri da 2 km per chi fotografa è caos puro. E la domenica successiva vi è, di potabile, unicamente la Corsa dei Rottami organizzata alla Pellerina dai Giudici Federali. Mai più alle Oceaniche tipo Una Corsa da Re, TuttaDritta ed ecc, così come alle 10 e 21 km tracciate su medesimo percorso di 2 giri. Anche qui il marasma è eccessivo per le mie coronarie. Moltissimi scatti, moltissimo lavoro per un “ritorno” vicino allo zero (chi sa dell’esistenza di Podoandando?).

Per tutto questo c’è Michele Scandurra (clicca QUI).

36 - rivoli 7Esco dalla tangenziale e tiro dritto a raggiungere il Castello, dato che seguendo il bla bla illustrante il percorso ho scoperto che da qui si passa. A dirla tutta direi che il percorso è per buona parte agreste sviluppato come è sulle sterrate della Morenica da cui ne esce per sfiorare solamente, ed è un peccato, il parco del Castello, Parco San Grato. Io, sbagliando perché tracce segnalanti la giusta via non trovo (non esistono proprio), me lo visito tutto, ma proprio tutto. È raccolto, grazioso nella sua essenzialità, senza quasi un metro di pianura e con delle rampe ritte assai, fantastico per redditizi allenamenti muscolari. Salgo ad una Cappella e ne discendo dal lato della Torre tra un zigzagare caotico di sentieri mettendo alla prova muscoli ormai atrofizzati. Non scatto troppe fotografie conscio come sono che verrebbero immagini banalmente piatte: l’occhio umano ha resa perfetta, per cui mi gusto ogni minima sfumatura.

36 - rivoli 8Scoperto che ho l’impossibilità che la gara di qui possa transitare, ritorno sui miei passi alla ricerca di tracce eventualmente sfuggitemi. Una piccola freccia dipinta a terra o una bandella biancorossa legata ai rami sullo stile dei trail, ad esempio. Nulla di nulla e poi ancora nulla. Eppure che passino di qui è certo in quanto vi è un cartello, a 300 metri dal Castello, segnalante il 7° km. Così scendo da una scaletta mettendo piede sul viale Papa Giovanni XXIII, dove scorgo tre volontari che bivaccano all’altezza di una rotonda. In attesa, prenderanno posto qui lì e là quando sarà il momento.

Arrivano di qui, noi li indirizzeremo alla scaletta (nascosta), indi nella direzione del Castello...”.

Peccato, così del piccolo parco non vedranno nulla.

36 - rivoli 9Ormai è tardi per tentar di raggiungere qualsivoglia altra postazione Click così, con Paracqua al fianco, mi siedo su di una panchina in attesa.

Non ho molte possibilità di scelta ormai, ma il luogo dove mi fermo non si rivelerà al termine così tragico come un primo momento ipotizzato.

Il resto a seguire è il solito pigiare sul grilletto di 7d2, supportato da un Compagno-di-Merende in vena di chiacchierare.

Poco più poco meno di una manciata i Podistichini, diradato lo scorrere dei partecipanti a 3 km dall’arrivo dato il percorso che ha offerto, se pur non con salite impegnative, poca pianura.

Graziose e sempre sorridenti le puledrine dell’Interforze, oggi in libera uscita. Cosa non da poco, il sorriso, per chi cerca un “premio” al faticar domenicale (e oltre…).

             CLASSIFICA