Banner
Torino
Mer

7°C
Gio

3°C
Ven

6°C
dicembre 2018
lmmgvsd
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 

Log-in





Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

Loredana Semeraro
Pubblicato da Somadaj   
Mercoledì 29 Aprile 2009 00:00
 
 
Alla mamma
 
Ti cercherò per sempre
anche fra mille anni
quando saremo nel giardino dell’eternità.
Sono sicura che ti ritroverò anche al di là del mondo
perché il tuo bene è troppo grande
e non può morire.
E per questo che non ti dimenticherò
un solo istante
perché so che mi prenderesti sempre tra le tue braccia.
E per questo che ti voglio bene.
 
 
 
Quando tua madre sarà per te
un sacro ricordo
allora il tuo cuore si riempirà di rimorsi
perché ti accorgerai di non averla amata abbastanza.
 
Approfitta dunque
finché puoi specchiarti nei suoi occhi
e colmarla d’affetto e riconoscenza
perché non potrai che ricambiare
in minima parte
quello che lei ha donato a te con immensa generosità.
 
 
     Ho trovato queste due poesiole scritte da me nel lontano 1997 e dedicate a mia madre (in verità le ha trovate mia figlia rovesciando i cassetti…). Adesso che sono madre anch’io mi ha fatto un certo effetto rileggerle…
Ho pensato di rendere partecipi anche voi di questi sentimenti perché ci accomunano tutti.
 
 
 
Nonni
 
Nonni cari e dolci nonni
siete il tesoro più grande
che noi nipotini abbiamo
quando passeggiamo mano nella mano.
Il nostro cuoricino batte forte nel petto
ogni volta che ci sorridete e ci date un bacetto.
Nel vostro cuore c’è uno scrigno
pieno di amore e di dolcezza,
pronto ad aprirsi e spandere gioia
per ogni nostra carezza.
Come è bello accarezzare i vostri capelli bianchi
e pregare il Signore che vi faccia vivere per noi
tanti lunghissimi anni.
Quando siamo tristi e sconsolati,
perché mamma e papà ci hanno sgridati,
abbiamo un posto sicuro dove andare:
le vostre braccia a farsi consolare.
Sentire ancora cantare la ninna nanna
come faceva a noi la nostra mamma,
si sciolgono i nostri dubbi e le nostre pene
e ad alta voce diciamo:
     nonni, vi vogliamo tanto bene !!!
 
 
P.S. – Avevo già scritto poesie per la mamma, questa volta tocca ai nonni. Dedicata a tutti i nonni podisti e non, in particolare della Podistica Torino, e ai neo-nonnini e nonnine.
     Mi perdoni il bravissimo Dalessandro per avergli rubato – solo per questa volta – l’angolo del poeta.