Banner
Torino
Mer

7°C
Gio

3°C
Ven

6°C
dicembre 2018
lmmgvsd
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 

Log-in





Designed by:
Andrea Borrelli www.uomochecorre.it

verso la sorgente del Sangonetto - di Somadaj
Pubblicato da Somadaj   
Mercoledì 26 Agosto 2009 00:00

 

Verso la sorgente del Sangonetto

 

                                                              20 aprile 2007
 img_0680 sangonettoxpodo
    Frazione Indiritto, sotto Coazze, e si sale in auto sino alla frazione Tonda, da dove un sentiero si diparte sulla sinistra. Si procede pressoché in piano, fra i boschi, per un buon tratto. Il sentiero, facile e bello, attraversa poi centralmente un numeroso gruppo di grange. Un vero villaggio, apparentemente ancora in discrete condizioni (le date di edificazione tracciate sulle costruzioni conducono al 1937 – 1922, ad esempio). “E’ Sisi”, dice Sergiulin, che pure mi parla di una fontana sorgiva. Sulla facciata di una grangia vi è persino, ben conservato, l’affresco di una madonna. Poco oltre si apre una veduta sull’Anfiteatro Morenico di Palè, a cui le fotografie non danno il giusto splendore.
     Giungiamo infine al masso di Sansone, al Geosito Rocca del Gias. Il sentiero che ne accarezza la base brilla come un manto di stelle. “E’ micca”, dice il cuginetto. Fotografo la roccia, il tabellone che ne racconta la leggenda. 
     Si cammina in scioltezza e, attraversato il nuovo ponticello sul Sangonetto (distrutto in precedenza dalla piena del 2000), entriamo attraverso un sentiero – per brevi tratti ripido – scavato nel lariceto, nel parco Orsiera-Rocciavrè: al pian Gurai. Purtroppo la giornata non è delle migliori; il sole va e viene e le cime attorno a noi sono velate dalle nubi. Saliamo attraverso il pianoro (che pianoro proprio non direi essere), ci solleviamo ancora un pochino su di esso per poi, sono le 12,30, fermarsi per la pausa ristoro.
     Non andremo oltre, oggi, perché il tempo, come detto, è nuvoloso, instabile.    
 
                                                                                            Ernesto Ceraulo "Somadaj"